Cultura e tempo libero / Clubbing

Commenta Stampa

“El Deportivo Panda” a TRIP…ricomincia il viaggio: Progetto musicale di Pietro Santangelo e Riccardo Villari


“El Deportivo Panda” a TRIP…ricomincia il viaggio: Progetto musicale di Pietro Santangelo e Riccardo Villari
11/01/2011, 09:01

Dopo le vacanze di Natale a TRIP ricomincia il viaggio, con la 1°tappa: El Deportivo Panda, giovedi 13 gennaio dalle h.21.00. Un progetto di Pietro Santangelo e Riccardo Villari, musicisti con un lungo passato negli Slivovitz. Infatti i "Fedro Experiment/ Deportivo Panda" nascono per gioco dopo la richiesta di preparare una selezione musicale con sassofono a Trip. Alle prese con nuovi macchinari necessari per allestire la performance di Danze Parziali (presentato a settembre nella sala accademica del conservatorio di Santa Cecilia in Roma) Pietro Santangelo sceglie di andare oltre il semplice ed inflazionato concetto di Dj Set, cercando qualcosa di più personale. L’idea è quella di riutilizzare materiale di tutte le culture musicali mettendo in luce aspetti comuni ritmici, ripetitivi e rileggendo i “campioni” scelti alla luce delle tendenze contemporanee della musica elettronica, sia popolare che colta. Nelle composizioni, come dei montaggi supportati da nuovissimo software, sono utilizzati loop preparati a partire dalle musiche di Herbie Hancock, Doudou ‘Ndiaye Rose, Roberto de Simone, Ben Harper, Marvin Gaye e Steve Reich e su questi montaggi l'improvvisazione avviene in tempo reale con sassofono, didjeridoo, tastiere e flauti etnici (tin whistle, chalumeau e sallowflute) oltre che con gli strumenti virtuali messi a disposizione dal computer manipolato attraverso un controller MIDI. Il carattere della performance è a tratti proprio della musica di ascolto ed a tratti più coinvolgente come mix “nato” per una serata d’intrattenimento. Da settembre 2010 entra a far parte del progetto anche Riccardo Villari, già da dieci anni negli Slivovitz il cui violino viene catturato e manipolato live durante le performances. Pietro Santangelo come sassofonista ha all'attivo due dischi con gli Slivovitz (Slivovitz, Ethnoworld 2005 e Hubris, MoonJune 2009). Polistrumentista autodidatta ha collaborato con Giovanni Imparato, Marzouk Mejri, Daniele Sepe, Salvatore Tranchini, Agostino Mennella, Mimmo Langella, Jenny Sorrenti. Laureato in Acustica Digitale presso la facoltà di Fisica della Federico II e laureando (febbraio) in Musica Elettronica al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma, con un lavoro su Ritmo Minimalismo ed elettronica.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©