Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

ENEL, un giocattolo per un sorriso, un sorriso per la vita


ENEL, un giocattolo per un sorriso, un sorriso per la vita
03/01/2011, 17:01

Napoli, 3 gennaio 2010 - "Un giocattolo per un sorriso, un sorriso per la vita" questo è lo spirito con il quale i dipendenti Enel di Napoli, in collaborazione con l'Associazione di donatori volontari di sangue "L'albero Rosso", vogliono essere vicini ai bambini ricoverati presso il reparto di Talassemia pediatrica e in generale a tutti i bambini ricoverati nel reparto di pediatria dell'Ospedale Cardarelli di Napoli. Per tutto il mese di Dicembre sono stati raccolti pelouches, libri, DVD CD , bambole, secondo le spontanee donazioni dei dipendenti Enel di Napoli che hanno voluto regalare una giornata di divertimento ai bambini che hanno dovuto trascorrere le Feste in Ospedale per un ricovero o per una trasfusione. Mercoledì 5 gennaio, alla vigilia dell'Epifania, un gruppo di dipendenti dell'Enel farà visita ai bambini dell'Ospedale per consegnare i doni e vivere insieme un pomeriggio di festa. L'iniziativa nata da una collaborazione concreta e fattiva fra il gruppo di dipendenti donatori di sangue, coordinato da Giovanni Casini, e i dipendenti delle aree più svariate: tecnici, personale, comunicazione esprime i valori della solidarietà e la responsabilità verso la collettività che hanno sempre orientato lo spirito aziendale in Enel. Il reparto di pediatria diretto dal Dott. Aldo Filosa è stato scelto per questa iniziativa perché rappresenta il tentativo riuscito di concepire in modo nuovo il rapporto fra medico e malato, fra ospedalizzazione e vita infantile. Soprattutto quando ad essere malato è un bambino, l'urgenza di ricreare un mondo accogliente, giocoso e familiare attorno a lui diventa imprescindibile. In questa prospettiva, entrando nel reparto si viene accolti da grandi sagome che sui muri rappresentano la favola del "re dottore". Inoltre, all'interno del reparto di pediatria c'è la scuola con personale docente distaccato dal circolo didattico della scuola materna e secondaria inferiore per tutti i bambini degenti. La talassemia, che viene curata in un'apposita sezione del reparto di pediatria , è infatti una malattia cronica e spesso i bambini che accedano al Day Hospital sin dai primi mesi di vita, dovranno continuare a frequentarlo fino alla maggiore età e talvolta anche oltre. Ci sono circa 7.000 talassemici in Italia di cui circa 600 nella Regione Campania di questi un numero consistente viene seguito presso il reparto di Talassemia pediatrica. Nel Day Hospital, ristrutturato i corridoi hanno assunto i colori che i bambini hanno scelto nel corso di un sondaggio effettuato prima della ristrutturazione: il soffitto sotto cui si sta sdraiati per alcune ore mente si viene trasfusi diventa allora azzurro come il cielo e la sala dei prelievi gialla come il sole.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati