Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Nel sambodromo incasso record, oltre 26 milioni di dollari

Entra nel vivo il carnevale di Rio con le scuole di samba


Entra nel vivo il carnevale di Rio con le scuole di samba
19/02/2012, 19:02

RIO DE JANEIRO - Scongiurato il rischio di una paralisi, provocato nei giorni scorsi dallo sciopero di polizia e pompieri, prima a Bahia e poi a Rio de Janeiro, il Carnevale più famoso del mondo entra nel vivo, stasera, nella città del Pan di Zucchero, con l'ingresso delle principali scuole di samba carioca nel Sambodromo disegnato nel 1984 da Oscar Niemeyer. Saranno 13 le “escolas” del Gruppo Speciale a sfilare, tra oggi e domani, sulla passerella del “Marques de Sapucai” quasi completamente rinnovata: la capienza è stata aumentata a 72.500 posti e sono state migliorate acustica e illuminazione. Un investimento che ha già dato i suoi frutti: la biglietteria ha segnato il record di vendite, raccogliendo 60 milioni di reals (oltre 26 milioni di euro) contro i 42 milioni (oltre 18 milioni di euro) del 2011. Tra le bellezze che esibiranno charme e sensualità, al ritmo delle assordanti batterie, continuano a prevalere i corpi ritoccati dal bisturi. Il silicone regna indiscusso tra i seni ben in vista, ma quest'anno - rivelano le statistiche delle cliniche estetiche - sono cresciute sensibilmente anche le protesi ai glutei. Intanto, tra le sambiste che negli ultimi due giorni hanno già dato un assaggio di carnevale a San Paolo, sembra definitivamente caduto il tabù del seno nudo: anche i minuscoli cerotti che gli anni scorsi venivano usati per coprire l'ultimo baluardo del pudore, si sono volatilizzati e le scultoree danzatrici ormai mostrano senza vergogna il petto completamente scoperto. «Non ho problemi, mi piace, forse perchè sono un po’ esibizionista», ha ammesso ieri, candidamente, la ballerina Elisangela Santos. Non è però stato sempre così. Nel 1989, la passista Enoli Lara per poco non venne squalificata in pieno Sambodromo per aver scelto di ballare come mamma l'ha fatta. Non contenta, provocò i giornalisti: «Non sono nuda, ho messo gli stivali». Una spiegazione che non soddisfò la Lega delle scuole di samba di Rio (Liesa), che a partire da allora vietò le sfilate senza “tappa-sesso”. Chi non obbedisce, può far perdere punti alla sua scuola. Come avvenuto nel 2008 alla Sao Clemente, che venne penalizzata nell'ostentare la bellezza della modella Viviane Castro, monumentale nella sua nudità assoluta. Il tema più ricorrente scelto dai carri allegorici di quest'anno è legato alle origini africane di gran parte del popolo brasiliano, attraverso l'esaltazione di Bahia, lo Stato con la maggior concentrazione di popolazione nera. Sarà questo il “leit-motif” di Portela, Imperatriz Leopoldinense, Unidos de Vila Isabel e della campionessa uscente, Beija-Flor. Non mancano poi gli omaggi all'arte: se la 'Renascer de Jacarepaguà celebra il talento di Romero Britto, la “Mocidade Independente de Padre Miguel” si è ispirata nelle opere di Candido Portinari. Ha invece idealmente varcato l'oceano la “Uniao da Ilha”, che festeggerà Londra, sede delle prossime Olimpiadi, con statue di cera dei Beatles e Lady Diana.

Commenta Stampa
di va.es.
Riproduzione riservata ©