Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

"Oltre la rottamazione", questo il titolo scelto dal sindaco

Entro maggio il nuovo libro di Matteo Renzi per Mondadori


Entro maggio il nuovo libro di Matteo Renzi per Mondadori
06/05/2013, 19:21

FIENZE - “Oltre la rottamazione”: è questo il titolo del nuovo libro che Matteo Renzi sta per pubblicare. Uscirà entro maggio. E l’editore stavolta è Mondadori, la casa editrice di proprietà di Silvio Berlusconi.. Il sindaco rottamatore ha quindi lasciato la Rizzoli con cui ha editato gli ultimi due libri:“Fuori!” e “Stil Novo”, usciti nel 2011 e nel 2012. Il tour di presentazione del nuovo libro dovrebbe iniziare a giugno.

Eè da tempo che la Mondadori sta corteggiando il Renzi saggista e alla fine è riuscita a strappare le prestazioni editoriali del sindaco di Firenze. Ma persone legate a lui smentiscono che sia un disegno “politico” nella scelta di Renzi di affidarsi a Mondadori. Pare infatti che Mondadori è “l’editore che ha fatto la proposta complessivamente migliore”, spiegano da Palazzo Vecchio. Il libro, cui Renzi sta ancora lavorando, si fonda su tre punti chiave: il lavoro, il futuro, la politica. Il capitolo finale è una lettera a Gregorio (il nome è inventato) un bambino immaginario nato nel 2013. Lavoro e giovani generazioni saranno infatti i cavalli di battaglia dei prossimi mesi e della prossima campagna elettorale renziana.  “Nei primi 100 giorni di governo si semplifichi la normativa sul lavoro, si proceda con gli sconti fiscali per i neo assunti. La riforma Fornero è un papocchio, non ha agevolato alcunché”, ha detto recentemente. Si parli piuttosto dei “450 mila nuovi disoccupati, allora tutto si potrà risolvere. Il resto è ideologia”.

Il titolo lascia presagire quale sarà il canovaccio propagandistico di Renzi per i prossimi mesi. Chiusa con successo la fase della rottamazione, adesso si tratta di cambiare passo, per raggiungere una statura politica di livello internazionale. Nel suo entourage dicono che “ Renzi urlava da ragazzino per farsi conoscere e farsi posto nel PD, ora è più organico al partito”. E la “benedizione” dell’editore di Repubblica Carlo De Benedetti lo confermerebbe in pieno.

 

Commenta Stampa
di Felice Massimo de Falco
Riproduzione riservata ©