Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

VI giornata del contemporaneo dell’A.M.A.C.I.

Enzo Marino scolpisce il canto


Enzo Marino scolpisce il canto
04/10/2010, 16:10

La Direzione Generale per il Paesaggio, le Belle Arti, l’Architettura e l’Arte Contemporanee del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, insieme alle più importanti istituzioni italiane, per il sesto anno consecutivo, rinnova il suo sostegno ad AMACI (ASSOCIAZIONE MUSEI ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI), per la Sesta Giornata del Contemporaneo in programma sabato 9 ottobre 2010.
I musei AMACI e 1000 realtà dell’arte contemporanea in Italia apriranno gratuitamente al pubblico i loro spazi in ogni angolo del Paese, per presentare artisti e nuove idee attraverso mostre, performance, laboratori, eventi e simposi.
Il grande pubblico appassionato avrà la possibilità di vivere da vicino, attraverso un programma multiforme, il vivace mondo dell’arte contemporanea.
La manifestazione, che nelle prime cinque edizioni ha registrato un crescente successo, e in pochi anni, grazie al sostegno di molte istituzioni pubbliche e private del nostro Paese e all’attenzione dei maggiori media nazionali, ha raggiunto una posizione di rilievo nel panorama dell’arte contemporanea italiana, si propone di aumentare il numero degli associati e di potenziare l’azione locale dell’Associazione e dei Musei ad essa afferenti, al fine di incentivare lo sviluppo del tessuto e dell’identità culturale territoriale, sensibilizzando il pubblico, promuovendo occasioni d’incontro con l’arte del nostro tempo.
Lo scultore Enzo Marino ( nell’ambito di un progetto nazionale del FreeInternational Artists con la collaborazione dell'Istituto Fernando Santi) in adesione alla “VI GIORNATA DEL CONTEMPORANEO promossa dall’AMACI sabato 9 ottobre 2010 nella magnifica cornice dell’Orto Botanico dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” –
“SCOLPISCE IL CANTO” (concerto per martello, scalpello e coro)
L’ happening del maestro Enzo Marino sviluppa e realizza un puro concetto intangibile attraverso l’uso strumentale di voci, gesti e attrezzi scultorei.
L’artista scarnifica i suoni, abbozza le note vocali e poi scolpisce il canto del coro polifonico “Cantate Domino” diretto dal M° Daniela Michela Di Monaco ( Presidente e fondatrice dell’Associazione Culturale Musicale “Cantate Domino”), con i virtuosismi dei soprani Rosaria Ceci, Giovanna Giangrande. Mariangela Terracciano e i tenori Francesco Camera, Francesco Vilardi, accompagna al pianoforte il M°Assunta Vilardi

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©