Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

EPO, il nuovo video del singolo "Perdermi". in pochissimo tempo subito mille click



EPO, il nuovo video del singolo 'Perdermi'. in pochissimo tempo subito mille click
26/06/2012, 14:06

Dopo il primo video-clip "A piedi nudi sui vetri", che ha anticipato l'uscita del terzo album "Ogni cosa è al suo posto", gli EPO bruciano le tappe e presentano il nuovo video e nuovo singolo dal titolo "Perdermi".  Regia Francesco Ebbasta del team The Jackal.

Prossimamente gli EPO suoneranno live in queste date esclusive per poi riprendere in tour in inverno:

28 Giugno
Roma - Le Mura

29 Giugno
Perugia - River Rock Festival

16 Luglio
Neapolis Festival @ Giffoni Film Festival
Giffoni Valle Piana (Sa)
con Giardini di Mirò, Tre Allegri ragazzi Morti, Katap, About Wyne

Gli Epo nascono nel 2000 dall’incontro tra la sensibilità artistica del chitarrista e autore Ciro Tuzzi e le idee del produttore e tastierista Mario Conte; l’intenzione è quella di fornire una chiave di lettura nuova ed attuale a canzoni ispirate e mai banali, nel solco della tradizione del miglior songwriting italiano, e non solo.

Nell’inverno del 2002 registrano e danno alle stampe il loro disco d’esordio, Il mattino ha l’oro in bocca che immediatamente s’impone all’attenzione di pubblico ed addetti ai lavori.

Nel 2003 dopo aver calcato il palco del Premio Ciampi e il terzo posto al premio Fuori dal Mucchio per il miglior album d’esordio, gli Epo scelgono di non continuare i rapporti con la casa discografica e di fondare blend’r per la quale viene ristampato il lavoro d’esordio reintitolato semplicemente Epo, a testimoniare un nuovo inizio; il disco contiene una seconda versione di “Anna” per la compilation-tributo a Lucio Battisti allegata al Mucchio Extra dell’estate 2005.

Dopo un anno e mezzo di lavoro, speso tra pre-produzione e registrazione, Silenzio Assenso viene licenziato da blend'r e distribuito Venus; le reazioni di stampa, addetti ai lavori e pubblico al disco sono ancora una volta più che positive.

Il video di Sporco, primo singolo estratto, va in rotazione sui maggiori canali musicali. Il gruppo viene invitato da Alex Infascelli a firmare il divano più famoso dell'indie italiano, quello del programma Brand:new.

Ancora più fortuna riceve il videoclip del secondo singolo, In cattività. Girato tra Siviglia, Sagrès e Lisbona è spesso in rotazione su MTV, Allmusic e Rock TV. Un successo coronato dalla partecipazione degli Epo a TRL - Total Request Live, la trasmissione di maggior successo di MTV.

Dopo un'estate in tour sui palchi dei più noti festival italiani (Italia Wave, Neapolis) gli Epo sono invitati da MTV.IT a partecipare ad un live esclusivo pensato per artisti del calibro di Editors e Cristina Donà.

Nel dicembre del 2007 sempre MTV.IT pubblica la classifica internazionale dei migliori 10 dischi del 2007: A far compagnia a Radiohead, Interpol, Pj Harvey ci sono anche gli Epo.

Arriviamo al 2008: la necessità di tornare a dei suoni più scarni, ad atmosfere più intime porta alla realizzazione di un EP scaricabile in free download seguito da una serie di concerti acustici con una formazione inedita.


Il 2012 segna il nuovo corso per gli EPO: un cambio di line up che vede Ciro Tuzzi affiancato da Michele De Finis alle chitarre e Jonathan Maurano alla batteria porta la band verso un suono ulteriormente eterogeneo che affianca al talento cantautorale del frontman sensazioni effettistiche, un ritrovato gusto per la dilatazione senza però trascurare le scelte che oramai sono la cifra stilistica della band.

Nelle ultime settimane di aprile “Ogni Cosa è Al Suo Posto” è licenziato da Polosud records, preceduto dal lancio di “A piedi Nudi Sui Vetri”. Il lancio del (non- ) singolo è supportato da un emozionante video che è un vero e proprio “corto” a cura dei The Jackal (già con 99 Posse e Caparezza) in esclusiva per Rolling Stone nella settimana immediatamente precedente al lancio del Disco.
Il sodalizio con The Jackal continua anche per il video di “Perdermi” primo singolo estratto dal terzo lavoro in studio degli EPO.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©