Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

ESPIAZIONE


ESPIAZIONE
28/01/2008, 13:01

1935. Bryoni, una ragazzina di tredici anni con una precoce e grande passione per la letteratura, osserva con curiosità la storia d'amore che coinvolge la sorella maggiore Cecilia. Proprio questa  passione, però, porterà Bryoni a commettere un atto del quale si pentirà per tutta la vita e che rovinerà la vita della sorella e del suo fidanzato Robbie, accusato di violenza sessuale senza esserne colpevole. Bryoni, cercherà di rimediare scrivendo un romanzo nel quale racconterà tutta la verità, unico ed estremo tentativo per placare un senso di colpa che l’accompagnerà per tutta la vita…
Dal latino Espiare, placare l'ira della divinità mediante espiazione, cioè scontare il delitto con una pena. È questo il punto focale del film di Joe Wright, tratto dall'omonimo romanzo di Ian McEwan, che adesso è possibile trovare in dvd.
Una vicenda torbida, eleganti scene di sesso (l’amplesso della libreria è stata considerata la scena erotica più bella dello scorso 2007) e una sceneggiatura in grado di mescolare suspence, romanticismo e un pizzico di storia fanno di “Espiazione” uno dei migliori film degli ultimi anni, anche perché il regista si sdogana dal timore reverenziale che lo impaccia nella direzione del suo primo film “Orgoglio e pregiudizio” (nei confronti dell’autrice da cui è tratto l’omonimo film, Jane Austen, ndr) e qui riesce a dare il meglio di sé.
E poi Keira Knightley è davvero fantastica nel ruolo di una donna che vive un amore disperato in un tempo disperato…

Commenta Stampa
di Serena Riviezzo
Riproduzione riservata ©