Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

In occasione dei festeggiamenti per i 15 anni del Kestè

Esposizione fotografica di Fabrizio Q al Kestè di Pozzuoli

Dalle ore 19 l'accoglienza con un brindisi/vernissage

Esposizione fotografica di Fabrizio Q al Kestè di Pozzuoli
05/10/2012, 14:28

POZZUOLI (NAPOLI) - Lunedì prossimo, 8 ottobre al Kestè D'Inner di Pozzuoli si festeggiano i 15 anni del marchio "Kestè". Dalle ore 19, nella storica sede del lungomare di Pozzuoli, amici e clienti saranno accolti da un brindisi/vernissage: sarà ospitata la prima esposizione fotografica internazionale del Kestè D’Inner, firmata dall'artista Fabrizio Quagliuso, in arte Fabrizio Q, londinese di acquisizione, che presenterà per la prima volta i suoi scatti in Italia. L'artista sarà presente all'evento che si protrarrà sino alle ore 24:00.
Prodotta dal Kestè Lab, l'esposizione sancisce la collaborazione di Fabrizio Caliendo, fondatore del Kestè insieme a Sergio Eller e Luca Taddei, con Mario Laporta, fotoreporter e professore dell'Accademia delle Belle Arti, e trova in Claudio Morelli, fotoreporter, un nuovo partner per l'organizzazione di eventi dedicati alla fotografia.
Sarà ripresentata, in una veste del tutto originale, la collettiva dedicata al food che 15 anni fa inaugurò il Kestè, cui presero parte Raffaella Marinello, Peppe Avallone, Luciano Ferrara, Fabio Donato, Gianni Fiorito, Luciano Romano, Vittorio Guida, Fabio Lalli, Ugo Pons Salabelle ed altri importanti nomi della fotografia partenopea. Mario Laporta e Claudio Morelli arricchiranno tale collettiva con uno scatto.
L'evento di lunedì 8 ottobre sarà solo il primo dei tanti appuntamenti della stagione che il Kestè dedicherà alla fotografia, che comprenderanno non solo esposizioni, ma anche incontri, dibattiti, e cene curate dagli stessi fotografi.
Foto&Food è quindi il tema dominante che si è andato affermando negli anni e che ormai caratterizza il celebre marchio napoletano. Un marchio che negli anni ha dato vita a due sedi, ad un laboratorio di produzione eventi (mostre fotografiche, ufficio stampa, spettacoli), e ad un nuovo modo di fare arte, intrattenimento e clubbing. Non ristorazione, non galleria d’arte, non locale, ma la loro completa commistione in una formula originale. Negli anni la formula si è consolidata, ed oggi il Kestè è una delle realtà napoletane più affermate ed originali. Le due sedi, una a Pozzuoli (lungomare) e l’altra al centro antico di Napoli (Largo San Giovanni Maggiore) hanno accolto più di 120 mostre tra fotografia, pittura, illustrazioni, ma è proprio la fotografia ad essere il focus principale su cui il Kestè si è concentrato. 
L'apertura ad eventi non solo dedicati a fotografi napoletani sarà l'inizio di una nuova avventura per i direttori artistici del Kestè D’Inner, una scelta dettata dalla voglia di aprirsi a nuove realtà innovative, ponendosi all'avanguardia come da 15 anni a questa parte.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©