Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

“e-STart”: rassegna culturale firmata Enzimi


“e-STart”: rassegna culturale firmata Enzimi
16/07/2010, 17:07

Treviso – Sperimentazione e aggregazione: sono queste le due cifre all’insegna delle quali la comunità culturale Enzimi sta realizzando la rassegna estiva e-STart – Frammenti contemporanei di teatro, danza, musica e arti visuali. E' iniziata venerdì 9 luglio, quando spettatori e artisti trevigiani del coordinamento Enzimi sono sbarcati nel quartiere di San Liberale (Treviso) per una pacifica invasione artistica nel segno della sperimentazione: cinque performance sotto le stelle di linguaggi diversi e misti hanno incantato il pubblico e hanno rappresentato il primo esempio dell'alternativa culturale che gli Enzimi si prefiggono di introdurre in città e per offrire la quale hanno unito le forze.

Dopo il successo della serata d'esordio, gli Enzimi sono pronti a tornare – venerdì 23 luglio dalle 19 – per una nuova occasione in cui teatro, danza, musica e arti visuali si avvicenderanno. Il giovane Enrico Pillon aprirà il secondo appuntamento di e-STart con gli esercizi di giocoleria, che animeranno lo sfondo di tutta la serata. Analogamente, nel corso della serata, qualche improvvisazione di break dance sarà regalato da giovani artisti in erba, tra i primi acquisti giovanili della rete enzimatica, catturati già nella prima sertata di e-STart.
Toccherà poi al teatro musicale dei Cotrino.Ato.Amiolo, ovvero Fabrizio Paladin (voce, armonica, chitarra acustica), Loris Sovernigo (pianoforte) Andrea Zuin (chitarra): uno storico trio che si riunisce e concede la prima rappresentazione del nuovo spettacolo, imbevuto di contaminazioni musicali e teatrali, si mescolano musica classica e canzone d'autore, poesia teatrale e comicità muta, e tanto altro ancora. L'incanto è assicurato.
A seguire la danza contemporanea di alto livello di Laura Boato, nella selezione GdA Madre acida / 1.1 – Apri gli occhi, amore mio (FIDES), primo atto di un progetto coreografico articolato nelle sette virtù della tradizione filosofica occidentale. Si comincia dalla Fides, con un gioco sottile della memoria, persistente e prepotente. Il rapporto tra passato e presente è il piano su cui si danza alla ricerca di se stessi. Alle 21 ci si sposta a Palazzo Bomben per il concerto dei Valentina Dorme, amici a cui gli Enzimi sono affezionati.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©