Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Fast and Furious: solo parti originali



Fast and Furious: solo parti originali
21/04/2009, 20:04

Quella di Fast & Furious è divenuta una vera è propria saga (dalle alterne fortune riguardo a critica ed incassi) che, con questo quarto titolo, ha tentato di tornare ai fasti del primo , fortunato e molto apprezzato episodio diretto dall'ottimo Rob Cohen. Questa volta, a dirigere le telecamere, c'è però il sicuramente non deludente Justin Lin che, fin da subito, con un emozionante ed adrenalinico furto di un carico di benzina operato dal legendario Dominic Toretto e dalla sua band, dimostra di saper dirigere una "action scene" in maniera magistrale.
I numerosi bolidi presenti nel film sfrecciano veloci (e ruomorosi) ma, la trama, fortunatamente per gli spettatori, riesce a non essere frettolosa e di conseguenza poco intrigante. Al centro della scena c'è un Vin Diesel non malvagio e a tratti molto convincente che, però, a volte appare fin troppo atarassico nel suo ruolo "incellofanato" da duro ma buono; peccando di monotonia espressiva.
Convincente la bella e mascolina Michelle Rodriguez, molto carismatico il giovane ed affascinante Paul Walker, nei panni del poliziotto ambiguo e fuori dagli schemi convenzionali del "piedi piatti". Motori rombanti, insenguimenti, sparatorie e splendide ragazze in "shorts" sono ben amalgamati in questo titolo non malvagio ma senza dubbio rivolto in prevalenza ad un pubblico di appasionati.
Come quasi sempre accade quando si parla di saghe e sequel (vedi i legendari "Alien" di Scott e "Terminator" di Cameron), la qualità del primo titolo, infatti, non viene più raggiunta dai seguenti episodi e, se il primo Fast & Furious aveva impressionato positivamente anche spettatori solitamente poco sensibili ai rombi delle testate e alle corse spericolate, questo ultimo capitolo è sicuramente maggiormente apprezzabile da un pubblico un po' più di "nicchia"; apparendo decisamente più esagerato in alcune scene che, a dirla tutta, risultano un po' troppo da "ai confini della realtà" (nella fattispecie: la realtà delle manovre automobilistiche). Di sicuro, però, i brividi lungo la schiena e le scariche d'adrenalina non mancheranno e, gli amanti delle quattro ruote truccate, non rimarrano delusi.

Voto 6,5

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©