Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

A 85 anni ricorda il fotogiornalismo del Dopoguerra

Federico Garolla boccia Fabrizio Corona


Federico Garolla boccia Fabrizio Corona
23/07/2010, 17:07

Federico Garolla si racconta in un'intervista a Il Giornale. Con le sue fotografie ha rappresentato l'Italia del Dopoguerra, e oggi ad 85 anni, compiuti da poco, dichiara il suo disprezzo per i paparazzi. Bell'uomo napoletano, di ottima famiglia e gran classe, vive a Milano, in un palazzo antico e nel suo studio possiede un sito in rete e un archivio digitale dei suoi scatti.
Nell'intervista al quotidiano diretto da Vittorio Feltri, Federico Garolla spiega: "La mia passione è nata quando mio padre mi regalò una Condor Ferrania che utilizzavo per fotografare le persone di cui parlavo nei miei articoli. Sandro Pallavicini, direttore di La Settimana Incom Carta, mi scrisse un telegramma in cui mi chiedeva un rullino. Da qui intrapresi la strada del fotogiornalismo". A Milano chiamato dal direttore dell'Europeo, Arrigo Benedetti, venne assunto come reporter, perchè di giornalisti ne aveva già quattrocento. Ecco cosa pensa di Corona. "Odio i gossip e quando vedo Fabrizio Corona in televisione, cambio canale. Con le mie foto io raccontavo tutto - afferma Federico Garolla- era un modo per attirare l'attenzione della gente con sensibilità. Detesto Corona, mi piacciono, invece, Richard Avedon e Ugo Mulas, considero il mio maestro Federico Patellani". Garolla dichiara che non ha mai fotografato cose brutte e ha sempre inquadrato la povertà mettendone in rilievo la dignità.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©