Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Festival dell'Arpa Viggianese


Festival dell'Arpa Viggianese
13/07/2011, 13:07

È famosa in tutto il mondo per essere la città dell’arpa e della musica. Viggiano - paese di 3.500 abitanti situato a quota 1.000 metri sul livello del mare, nel cuore della Val d’Agri - ospita dal 3 al 7 agosto 2011 la IV edizione del “Festival dell’Arpa Viggianese”. Un evento che celebra la secolare tradizione arpistica lucana divenuta patrimonio dell’Unesco con concerti, workshop, performance artistiche, seminari, aperitivi musicali e un cast multietnico. Con un coinvolgente incontro di suoni, epoche e culture. Artisti provenienti da India, Cina, Mali, Burkina Faso, Paraguay, Francia, Germania, Scozia, Polonia, Slovacchia, oltre che da varie regioni d’Italia, portano in Basilicata i suoni del mondo lungo uno speciale corridoio linguistico attraverso il quale trovano espressione le musiche dei continenti. Un percorso inverso, ma per certi versi simile, a quello fatto tra la fine del 1800 e il 1900 dai musicisti di strada viggianesi, che dopo un lunghissimo peregrinare riuscirono a esibirsi negli Stati Uniti, in Russia e persino in Australia.



Per cinque giorni e cinque notti, sui 4 palchi allestiti a Viggiano, si alterneranno i nuovi griot africani Watinoma, la prodigiosa polistrumentista Phamie Gow (già al fianco di Philip Glass e Band of Horses), l’etno-folk della Skupina Banda, il duo Chanjuan Zhao e Benjamin Leuschner, il Daphne Chamber Group, l’eclettico Enrico Euron con Anne-Gaelle Cuif, la fanfara in stile Bollywood Jaipur Maharaja Brass Band. E ancora, l’incontro fra la tradizione celtica di Vincenzo Zitello e quella sudamericana di Lincoln Almada, l’elettronica medievale dei Rondeau de Fauvel, la preziosa tradizione popolare di Luigi Milano e dell’Orchestra Arpe di Viggiano, il connubio musica/poesia di Jul alias Giuliano Marco Mattioli e l’atteso recital di Mamadou Diabatè - vincitore nel 2009 di un Grammy Awards nella categoria best traditional world music - che oltre al live set (venerdì 5) riceverà il Premio Harpo Marx sabato 6 agosto. Ogni notte, inoltre, spazio alla scena contemporanea con il dj polacco/tedesco Darius Darek e il suo eccentrico “World Beat Party”.

All’Hotel Dell’Arpa dall’1 al 7 agosto si tengono, invece, gli stage diretti da Lincoln Almada (musica popolare, aperto a tutti gli strumenti musicali) e Anna Pasetti, autrice del saggio “L’arpa viggianese nella storia della musica e dell’arpa in Europa”. Dalle 15, i workshop aperti al pubblico con la partecipazione di alcuni protagonisti della rassegna: Alizbeta Lukacova (cimbalom ungherese), Chanyuan Zhao (guzheng cinese), Enrico Euron e Vincenzo Zitello (arpa celtica), Mamadou Diabate (kora africana), Michele Mastrotto (hammered dulcimer) e Luigi Milano (arpa popolare viggianese). Dalle 19, sulle terrazze che affacciano sull’Alta Val d’Agri (che in età preistorica era un lago), si tengono gli aperitivi musicARPAinsieme, con l’esibizione dei partecipanti agli stage. Numerose le iniziative parallele. Vista la speciale posizione geografica di Viggiano, al contempo rinomata stazione sciistica e sede del Museo del lupo, la pro-loco organizza escursioni al Monte Sacro - dove da maggio a settembre viene portata la statua della Madonna Nera - visite alla diga del Pertusillo e al Parco archeologico di Grumentum; degustazioni di prodotti tipici: il nobile e profumato tartufo nero (Scorzone), il rinomato caciocavallo podolico, i funghi di montagna, i crostini con fagioli di Sarconi e i vini Doc “Terre dell’Alta Val d’Agri”. Il “Festival dell’Arpa Viggianese” è un evento organizzato dall’assessorato comunale al Turismo e allo Spettacolo con il sostegno di Frame Evolution e il patrocinio della Regione Basilicata, della Provincia di Potenza, della Comunità montana Altro Agri e dell’Ente Parco nazionale dell’Appennino lucano. Tutti i concerti sono a ingresso gratuito.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©