Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

L’attore italiano presiederà la 65ma edizione

Festival di Cannes: Moretti, sarò una specie di capoclasse


Festival di Cannes: Moretti, sarò una specie di capoclasse
16/05/2012, 17:05

CANNES -   Più che presidente di Giuria, al 65mo festival del Cinema, l’attore italiano Nanni Moretti, sarà una specie di capoclasse. Parole pronunciate proprio da lui,  oggi, durante l’incontro di apertura della kermesse.   Moretti ha aggiunto che sarà  ''molto democratico'', insomma ''uno dei nove''componenti della giura.  Unica regola che imposterà  da presidente: ''vederci spesso, e' importante dedicare a tutti i film la stessa attenzione e lo stesso rispetto quindi faremo riunioni non una volta l'anno ma spesso, ogni due giorni, parlando dei quattro film appena visti''. Il festival di Festival di Cannes,  si svolgerà dal 16 al 27 maggio  2012 e sarà  l'attore e regista italiano  (nella foto) a presiedere la giuria. Ad annunciarlo, lo scorso gennaio, furono proprio  gli organizzatori del festival. Nanni Moretti, 58 anni, ha finora presentato sei film al Festival di Cannes, fra i quali "Habemus Papam" lo scorso anno, ed e' stato membro della giuria nel 1997, durante il cinquantenario di Cannes.  Nanni Moretti, nato nel 1953 a Brunico (in provincia di Bolzano) ha firmato la regia di molti film tra i quali "La messa e' finita" (1985), "Palombella rossa" (1989), "Caro Diario" (1993), "La Stanza del figlio" (per il quale ha ricevuto la Palma d'Oro nel 2011) e "Il Caimano" (2006), una denuncia della politica dell'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Per Thierry Fremaux, delegato generale dle Festival di Cannes, ''Nanni Moretti e' un autore importante, molto in alto nel mio patheon personale''. Questa scelta si giustifica inoltre dal fatto che ''Cannes ha avuto tre presidenti americani in quattro anni e quindi ben venga il ritorno di un europeo'' ha aggiunto. Nanni Moretti succede a Robert De Niro nel 2011, Tim Burton nel 2010, Isabelle Huppert nel 2009 e Sean Penn nel 2008

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©