Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

FIERA DELLA CASA: RICORD CINEMATOGRAFICI IN BIANCO E NERO


FIERA DELLA CASA: RICORD CINEMATOGRAFICI IN BIANCO E NERO
27/06/2008, 15:06

Nella memoria dei napoletani è un’immagine in bianco e nero, ma nitidissima: seduti davanti alla tv per guardare un film nelle calde mattinate d’estate. All’epoca c’erano solo due canali Rai che iniziavano le trasmissioni dopo il tramonto e quella programmazione straordinaria era il segnale inequivocabile che negli stand della Mostra d’Oltremare aveva preso il via la “Fiera della Casa”.

Oggi quell’efficacissima operazione di marketing ante litteram viene celebrata nell’ambito della 51° edizione della “Fiera della Casa” con una interessante retrospettiva cinematografica che prenderà il via domani: fino al 5 luglio, infatti, si svolgerà “I film della Fiera della Casa”, una rassegna dedicata ai film che la Rai trasmetteva alle 10,30, per Napoli e zone collegate, in concomitanza con lo svolgimento della manifestazione.
Ospitata dal Teatro Mediterraneo, la rassegna propone un’originale carrellata sul cinema italiano dagli anni ’50 agli anni ’70. Ecco, dunque, Il sorpasso, uno dei capolavori della commedia all’italiana degli anni del boom per unomaggio al grande Dino Risi o, ancora, l’affresco generazionale del pluripremiato C’eravamo tanto amati di Ettore Scola ed il doveroso tributo a Totò, gettonatissimo nella programmazione dei film della Fiera, con la trilogia La banda degli onesti, Totò Peppino e i fuorilegge e Totò diabolicus. Ancora, non potevano mancare il sarcasmo beffardo di Luigi Magni che racconta la Roma papalina  (Nell’anno del Signore), o Sophia Loren e Marcello Mastroianni mattatori ineguagliati in Ieri,oggi,domani  ed in Matrimonio all’Italiana. Nè, infine, si poteva prescindere dalla napoletanità vista da Giuseppe Marotta e trasposta da Vittorio De Sica ne L’oro di Napoli.
Come in un ideale passaggio di testimone cinefilo, la programmazione della rassegna è arricchita da una sezione interamente dedicata ai bambini con titoli come Opopomoz, Kirikù e la strega Karabà, Il cane e il suo generale.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©