Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Fine settimana di musica classica con il "Racconto delle pietre"


Fine settimana di musica classica con il 'Racconto delle pietre'
14/09/2011, 14:09

SALERNO – Fine settimana all’insegna della musica classica con ospiti internazionali di altissimo livello. Venerdì 16 settembre e sabato 17 nel Convento di Sant’Antonio di Polla (Sa), alle ore 21, concerto del pianista Pietro Gatto. Musiche di Bach, Scarlatti, Haydn, Schumann e Liszt (ingresso libero).

Pietro Gatto, nato ad Agropoli nel 1986, nonostante la sua giovanissima età, ha già collezionato numerosi premi e riconoscimenti in ambito internazionali. Dopo essersi avvicinato al pianoforte all’età di 12 anni (con il maestro Domenico Spetrini), a quindici viene ammesso all'Accademia pianistica di Imola "Incontri con il Maestro", dove viene seguito da Leonid Margarius (erede della scuola pianistica russa di Regina Horowitz) e Anna Kravtchenko (1° premio Busoni 1992), con i quali studia tuttora.

Ancora un raffinato appuntamento con la musica classica domenica 18 settembre, alle ore 21, nel Convento di Sant’Antonio di Polla (Sa) dove si esibirà il duo Eugene Ugorski (Violino) e Konstantin Lifschitz (Pianoforte). Musiche di Beethoven, Bartòk, Chausson e Brahms (Ingresso libero).

Eugene Ugorski, nato nel 1982 a San Pietroburgo, è considerato oggi una delle più brillanti promesse del violino a livello internazionale. Dopo aver fatto il suo debutto con la San Diego Symphony Orchestra a solo 8 anni, Ugorski si è esibito in Europa, Russia, Canada, USA e Sud America, lavorando con direttori del calibro di Valery Gergiev, Andrey Boreyko, Eri Klas, Keith Lockhart e Roberto Minczuk.

Konstantin Lifschitz, nato nel 1976 a Kharkov in Ucraina, ha iniziato a suonare prestissimo a orecchio il pianoforte e ad improvvisare per ore. A 13 anni Lifschitz aveva dato il suo primo "grande" concerto all’Accademia Musicale Russa Mosca. Nel 1994, in occasione della fine degli studi alla Scuola Gnessin, ha eseguito un programma che cominciava con le Variazioni Goldberg del suo amato Bach, registrate dalla casa discografica giapponese Denon. Questa incisione, pubblicata nel 1996, ha ottenuto una nomination per il Grammy Award ed è stata considerata dal critico Edward Rothstein del New York Times "la più coinvolgente interpretazione pianistica dai tempi di Gould".

I concerti si inseriscono nell’ambito del progetto “Il Racconto delle Pietre – la Provincia di Salerno tra Miti e Tradizioni”, promosso e realizzato dalla Provincia di Salerno Settore Turismo, cofinanziato dall'Unione Europea, dallo Stato Italiano e dalla Regione Campania, nell'ambito del Programma Operativo FESR 2007/2013, ob.op. 1.9. «La tua Campania cresce in Europa».



Il 17 e il 18, prima dell’esibizione del pianista Gatto, è prevista una visita guidata al centro storico di Teggiano, alla Certosa di Padula e a Polla, con partenza, alle ore 9, da Piazza Vittorio Veneto a Salerno (Stazione FS).

Il costo per l’ingresso ai musei e/o aree archeologiche e/o edifici storici è a carico dei viaggiatori. Per prenotare gli itinerari turistici contattare il numero 089 405145 (dal lunedì al sabato ore 7.00 / 19.00 - domenica 7.00 / 12.00)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©