Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Fiom Cgil Napoli: La legge Gallidel 5 gennaio 1994 intese migliorare l’offerta e la qualità del servizio idrico


Fiom Cgil Napoli: La legge Gallidel 5 gennaio 1994 intese migliorare l’offerta e la qualità del servizio idrico
15/04/2013, 15:25

“La legge Gallidel 5 gennaio 1994 intese migliorare l’offerta e la qualità del servizio idrico, infatti, con l’articolo 8 fu prevista la creazione degli ambiti territoriali ottimali, i cosiddetti ATO, e all’interno di essi l’erogazione del servizio ad un unico operatore (il Gestore unico) che, per quanto riguarda l’area sarnese vesuviana, è stato affidato alla G.O.R.I.

Per effetto di quanto sopra brevemente descritto, tutte le società appartenenti all’ATO 3, che per conto della Regione Campania sono affidatarie pro tempore degli impianti, dovranno lasciare gli impianti e licenziare i lavoratori.

Per quanto ci è dato sapere, G.O.R.I., con accordi presi con la Regione Campania ha confermato la volontà di creare una nuova società, di rilevare gli impianti oggi gestiti da altre società e di assumere i lavoratori che operano in questi impianti. Ciò nonostante, la Regione Campania pur avendo da  tempo pronta la delibera che dovrebbe rendere operativo detto passaggio, ancora non l’ha presentata in giunta per approvarla.

Per la FIOM-CGIL l’operazione è composta da poche luci e molte ombre, per questo da alcuni mesi a questa parte, ha più volte chiesto al Presidente Caldoro e all’assessore regionale all’ambiente Romano un incontro per avere chiarimenti in merito al futuro dei lavoratori.

Poiché le istituzioni sfuggono al confronto, con un atteggiamento che è al limite dell’irresponsabilità, la FIOM CGIL proclama per VENERDI 19 APRILE 2013, alle ore 09.00, un presidio presso la sede Regionale in via Santa Lucia, invitando tutti i lavoratori a partecipare compatti. Napoli, 15 aprile 2013 “. Così una nota a cura della Fiom – Cgil di Napoli. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©