Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Folk Dinner, al via la seconda edizione


Folk Dinner, al via la seconda edizione
07/07/2011, 09:07

Sapori e suoni della tradizione uniti per dar vita alla seconda edizione del “Folk Dinner”. Dopo il successo dello scorso anno la manifestazione, organizzata dall’agenzia di comunicazione Semioticando, ritorna con qualche novità. L’edizione 2011, infatti, porrà un’attenzione maggiore all’aspetto gastronomico, al fine di costruire un itinerario del gusto più ampio che, abbinato al percorso musicale, potrà offrire una molteplicità di tappe caratterizzate da sfumature diverse. Invariata la formula: la creatività di rinomati chef della penisola sorrentina si sposerà perfettamente con i ritmi popolari della musica suonata da gruppi provenienti dall’agro-nocerino-sarnese, dall’area vesuviana e dal cilento. L’itinerario gastronomico-musicale prevede cinque tappe concentrate a Vico Equense e a Meta nei mesi di luglio e agosto. Si comincerà venerdì 29 luglio al “Vado pazzo” con la musica dei “Tammorrari del Vesuvio” per poi continuare con il seguente calendario: 5 agosto ad “Antichi sapori” con i ritmi de “Le sette bocche”, 13 agosto al Grand hotel Moon Valley con i “Kiepo’”, 19 agosto allo Scrajo Terme con la cucina di “Nonna Rosa” e la musica della “Paranza mediterranea”, 26 agosto al “Comer_a” con “A paranza r’ò Lione”. Protagonista in cucina sarà la bravura degli chef che uniranno tradizione e innovazione in sintonia con la cultura e la musica popolare. Tra questi Peppe Guida, Alfonso De Martino, Andrea Cannavacciuolo, Giuseppe Panico, Claudio La Ragione.
Il percorso musicale, a cura del direttore artistico Luigi Staiano, richiamerà tradizione e folklore con strumenti quali tammorre, fisarmoniche, chitarre battenti, tamburi, organetti e castagnette, attraverso suoni e danze di un tempo, coinvolgendo il pubblico in un viaggio per riscoprire le radici del territorio. Alla musica verranno abbinati sapori che si rifanno alla tipicità della cucina campana e, in particolare, della penisola sorrentina.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©