Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

FOOTLOOSE AL TEATRO BOLIVAR


FOOTLOOSE AL TEATRO BOLIVAR
11/12/2008, 09:12

 

Sabato 13 e Domenica 14 dicembre
alle ore 21.00
 
 
 
Teatro Bolivar
Via Bartolomeo Caracciolo 30
(quartiere Materdei), Napoli
 
 
NAPLES MUSICAL ENTERTAINMENT PRODUCTION
 
presenta
 
 "FOOTLOOSE"
 
Musiche di TOM SNOW    Parole di DEAN PITCHFORD
Additional Music ERIC CARMEN, SAMMY HAGAR,
KENNY LOGGINS e JIM STEINMAN
 
Arrangiamento R&H Theatricals
 
Con
VICTOR SOUFFRANT
WILLIAM NESBITT MISSY WILLS
 
E con
Steve Ayling, Pat Becker, Greg Bulow, Jackie Day, Zadoc-Lee Kekuewa,
Paul Ocampo, Maria Rexach, Dilsa Souffrant, Christina Velarde, Krystal Williams,
Terry Bebout, Emily Becker, Lisa Cosner, Tracy Daidone, Valencia Gee, Sarah Huff,
Lesile Kekuewa, Mika Kiser, Gorge Lamb, Makenzie Ludwick, John McCarthy, Natalia Piscopo, Roberta Piscopo, Madeline Powell, Paul Scott, Mikaela Underwood, Sandy Webb
 
 
Regia
Leslie Kekuewa
 
 
Sul palco del Teatro Bolivar arriva la compagnia americana "Naples Musical Entertainment Productions" per infiammare il pubblico con le atmosfere dell'indimenticabile musical "Footloose" in una versione in lingua originale.
 
Un ragazzo di Chicago, Ren McCormack, si trasferisce con la madre a Boomont, un piccolo paese di provincia che ha bandito la musica Rock, il ballo e tutto ciò che può corrompere la moralità della cittadina dopo che pochi anni prima quattro ragazzi (tra cui il figlio del reverendo del paese) sono morti mentre tornavano da un concerto fuori città. Da subito Ren si fa dei nemici, a partire dal ragazzo e dal padre di Ariel, per finire con tutto il resto del paese (tranne Willard, Rusty e pochi altri), che lo etichettano come un ragazzo senza morale perché non capisce le regole del paesino e legge romanzi considerati peccaminosi come Mattatoio n°5. Ma proprio per questo suo aspetto "ribelle" Ariel si innamora di lui, anche per contrastare apertamente il padre, il reverendo Shaw, secondo lei colpevole del bigottismo dilagante nella cittadina, che prima aveva disobbedito solo di nascosto, e lo aiuta a ottenere l'autorizzazione per fare il ballo di fine anno nel magazzino fuori città dove Ren lavora anche grazie alla sua conoscenza, piuttosto ovvia, della bibbia e del suo talento di poetessa. Il reverendo comprende in seguito ad uno spiacevole episodio (alcuni cittadini particolarmente ferventi decidono di bruciare alcuni dei libri della biblioteca scolastica) che negare alcune libertà, come appunto l'ascolto della musica Rock, non è prerogativa di un gruppo di persone segnate da un dolore, e che invece lasciare ai ragazzi la libertà di crescere è senza dubbio la scelta migliore.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©