Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

"Fratelliditalia": il libro che racconta la nascita della Repubblica


'Fratelliditalia': il libro che racconta la nascita della Repubblica
31/05/2010, 20:05

"Fratelliditalia" racconta il difficile percorso dell'unità, tema scottante ed attualissimo, della formazione della nazione italiana, tra miti, fraintendimenti, luoghi comuni, speranze e disillusioni.

Come si diventa "Fratelliditalia"? Lo si è mai diventati davvero? E chi o cosa ha contribuito alla creazione di differenze o ha allungato le distanze tra le due Italie al punto da trovare difficile stare insieme?
Questo libro presenta la narrazione storica, documentata attraverso le pagine dei giornali più rappresentativi del secondo Dopoguerra, delle difficoltà reali o presunte che, all'indomani del 1945, l'Italia si trovò ad affrontare sulla strada della unità, con tensioni, speranze, nutrite da un immaginario collettivo che andava via via definendosi su ciò che era il Sud e ciò che era il Nord.

Il libro, ricco di riferimenti, lettere, storie raccontate dai giornalisti, inchieste, indaga a largo spettro, sul biennio 1945-1947, mettendo in luce molti aspetti di una irrisolta questione meridionale e anche di una questione settentrionale: si passa in rassegna l'anno cruciale della Liberazione, vissuto in maniera del tutto diversa al Sud e al Nord, il fatidico 1946 con la scelta repubblicana, le agitazioni sociali e politiche del 1947.

"Sono gli anni in cui l'Italia si doveva fare e anche gli italiani, che si conoscevano davvero poco - spiega l'autrice, Matilde Iaccarino - le due Italie erano profondamente lontane. Tuttavia, emerge chiara la volontà di tanti gruppi sociali, di cittadini, soprattutto meridionali, di farla questa Italia, di ritrovarsi uniti nella solidarietà, nella scelta di rompere col passato, con le recriminazioni su chi ha avuto di più o di meno, per costruire un progetto nuovo e autentico, questa volta, di nazione. Dai giornali emergono però le responsabilità dei governi che spesso, in quegli anni, presi dall'emergenza, non seppero cogliere i segnali di una separazione tra Nord e Sud che non avrebbe tardato a dare i suoi frutti politici più pericolosi".

"Fratelliditalia: il difficile percorso dell'unità: Nord e Sud attraverso un viaggio nel cuore della stampa italiana dal 1945 al 1947" è un libro di Matilde Iaccarino, è edito da "Antonio Pisano Editore".

Il libro è la ricostruzione storica attraverso i giornali dell'epoca, di come i meridionali, dalla gente comune agli intellettuali, percepissero gli italiani del Nord e di come questi ultimi vedessero "quelli" del Sud. Il lavoro è frutto di una lunga ricerca tra Napoli, Roma e Milano ed esamina una fetta di storia italiana che è soprattutto la ricostruzione di un modo di sentire, di vedere e di vedersi italiani, in un periodo particolare in cui si posero le basi per la Repubblica.

Mercoledì prossimo il Comune di San Giorgio a Cremano celebrerà la giornata con l'evento: "2 giugno: festa della Repubblica, festa degli Italiani", per ricordare i valori della resistenza al nazi-fascismo ed i principi fondanti del nostro Stato e della nostra Costituzione. Alle 18.30, presso la biblioteca comunale di villa Bruno, si terrà un convegno a cui prenderanno parte la professoressa Matilde Iaccarino ed il colonnello Luigi Masiello (responsabile dell'ufficio comunicazione del secondo FOD dell'Esercito Italiano).
Matilde Iaccarino, è nata a Pozzuoli; giornalista e appassionata di letteratura (ha pubblicato alcune raccolte di poesie e racconti) ed è impegnata da molti anni nella ricerca storica. Si occupa principalmente di storia contemporanea, alternando al lavoro d'archivio quello legato alla storia orale e ai giornali d'epoca. Ha collaborato con prestigiosi istituti di ricerca, come l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici e l'Istituto Italiano per gli Studi Storici "Benedetto Croce"; attualmente fa parte della redazione del «Bollettino Flegreo» e insegna italiano e latino presso l'Istituto superiore di Bacoli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©