Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

GallinaRock: domani serata di chiusura con i Velvet


GallinaRock: domani serata di chiusura con i Velvet
04/08/2011, 17:08

Oltre mille persone per la serata d’apertura. Momento clou il live estemporaneo di Tony Esposito, king of percussion. Gli Eva Mon Amour sono invece gli ospiti d’onore della seconda serata. Diciannove band di giovani talenti in gara, domani il vincitore

Chiusura in grande stile per l’edizione 2011 del GallinaRock: sarà la musica dei Velvet ad infiammare, domani sera, il Parco San Leonardo di Gallinaro, che da mercoledì ospita la kermesse, faro musicale di tutto il Basso Lazio. Successo di pubblico senza precedenti per questa terza edizione. Il festival riservato ai giovani talenti amanti del rock ha aperto i battenti ieri sera. Centinaia e centinaia di persone hanno iniziato a raggiungere Parco San Leonardo già dal tardo pomeriggio di mercoledì. Momento clou della serata la straordinaria performance di Tony Esposito. Il king of percussion infatti ha regalato ai suoi fans un pezzo alla batteria, mandando in visibilio gli spettatori. Superate le mille presenze di pubblico. Anche la pioggia non è bastata a fermare l’energia della prima serata della kermesse. Era l’una di notte quando Kohra dei Papacalura è salito sul palco, ha iniziato a piovere a Gallinaro, ma la voce di una delle più esplosive realtà live della penisola non si è dato per vinto, e con il suo mix di italiano e dialetto siciliano ha dato vita ad uno spettacolo entusiasmante e coinvolgente che ha fatto scatenare tutti gli spettatori sotto il palco.

Stasera si replica con un grande numero degli Eva Mon Amour che porteranno al GallinaRock i successi del loro ultimo album: “La malattia dei numeri”.

Domani la terza e ultima serata: saliranno sul palco i gruppi più votati nel corso della due giorni, le band sono pronte a contendersi lo scettro della terza edizione del GallinaRock. Ospiti d’onore i Velvet autori, tra l’altro, di canzoni di grande successo come “Boy band”.

Ma sono i giovani talenti i veri protagonisti del GallinaRock: diciassette le band in gara. Ad aprire i battenti mercoledì sera ci hanno pensato i Faunalia, provenienti da Arce. A seguire i Whisky in Heaven, arrivati da Civitavecchia, alla loro seconda partecipazione al festival. E’ stata la volta quindi dei Saesciant, giunti dalla capitale ma originari di Anagni. Hanno lasciato il testimone ai Fey Tepex, gruppo i cui componenti arrivano da Isola Liri e da Sora. In rappresentanza del capoluogo ciociaro i Blues Storius, anch’essi vecchia conoscenza del GallinaRock. E’ stata quindi la volta dei PianoB, band originaria di Sora e composta da giovanissimi: il batterista ha infatti appena 15 anni. A seguire i Plastika, band originaria di Anagni che vanta una voce femminile nel gruppo. La chiusura della prima serata è stata affidata invece ai Clippers, giunti dalla vicina Atina. Nella seconda serata si sono esibiti invece i restanti nove gruppi: si parte con i Megattera, gruppo di Ferentino, a seguire i Blue Van Gogh di Pontecorvo, i Grannies Club di Roma, i 3Mystic Mille Trio da Sora. Sul palco arriverà anche il ritmo partenopeo grazie a Diego Leanza da Napoli. A seguire le esibizioni dei Rosa Cantina Band, da Anagni, dei Doom Flowers, giunti da Pontecorvo e dei Fint Floyd da Frosinone. Chiudono i Ground Zero, originari del posto.

Il festival è stato ideato da Luigi Vacana, organizzato dall’associazione Talenti con la direzione artistica di Enrico Capuano. Presentatrice delle tre serate Aurora Forcarelli. Direttore del palco Ennio Schiavi, segretario Marco Franciosa. Responsabili delle band e degli artisti: Lallo Tullio, Dario Miconi, Donato De Bonis, Loris Arduino. Per l’area creativa: Carla Cellucci, Barbara Tamburrini, Michela Franciosa, Marcella Zeppa. Ufficio stampa: Romina Vinci. Audio e luci: Full Range, Marco di Folco. Sicurezza affidata a P.s. Security e Gianfranco Proia.

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©