Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

La manifestazione partirà nel pomeriggio da piazza Cavour

Gay: domani il "Pride" sfila in città


Gay: domani il 'Pride' sfila in città
25/06/2010, 21:06

NAPOLI - È tutto pronto per il “Napoli Pride”, la manifestazione che si terrà domani, a partire dalle 14 in città. L’evento riunisce le associazioni Arcigay Napoli, Arcilesbica Napoli, i Ken Napoli, Atn, Famiglie Arcobaleno, con il patrocinio ed il sostegno del Comune ed il patrocinio morale della Regione Campania. Per una giornata, insomma, Napoli sarà capitale dell'orgoglio Lgbtqi (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, queer ed intersessuali): il conto alla rovescia è iniziato stamani dopo la conferenza stampa di presentazione avvenuta nella sala giunta del Municipio, alla presenza del sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino.
“Oggi e domani sono due giornate di gioia, in una città piena di problemi, ed occasioni come queste sono pochissime, in cui cercheremo di offrire, insieme alla comunità gay, un atto di orgoglio: domani, è una giornata di orgoglio”. Ha esordito così primo cittadino, che ha aggiunto: “Sembra non esistano più diritti, ma solo forti contrapposizioni, noi amministrazione comunale, vogliamo essere orgogliosi perchè esprimiamo quanto di meglio c'è nella nostra Costituzione. Abbiamo l'orgoglio di chi sa di essere portatore di idee, solidarietà”.
Per l’evento sono previste in città oltre 30mila persone, con un tornaconto economico di diversi milioni di euro. Giordana Curati, dell'Arcilesbica Napoli, si è soffermata sull'importanza della manifestazione.  “Da Napoli”- ha detto – “può essere promosso un progetto di forte sensibilizzazione sui nostri obiettivi, della nostra battaglia per il riconoscimento di diritti sociali, civili e per la libertà anche per i gay”.
Intanto, ferve l'attività per la preparazione dei diciassette carri allegorici che attraverseranno la città partendo da piazza Cavour per arrivare in piazza del Plebiscito dove si esibiranno numerosi artisti, tra cui Angela Luce, Raiz, Nino D'Angelo, Luisa Corna, Viola Valentino e Gianni Simioli.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©