Cultura e tempo libero / Archeologia

Commenta Stampa

Geologi, Di Furia : “Pietraroja sogna il ritorno del piccolo dinosauro Ciro”


Geologi, Di Furia : “Pietraroja sogna il ritorno del piccolo dinosauro Ciro”
26/04/2012, 16:04

“E’ iniziata l’opera di riqualificazione dell’intera area del Museo Paleolab di Pietraroja , rendendola pronta ad accogliere quei turisti che si recheranno in visita a Benevento dove ritornerà il piccolo dinosauro Ciro e che sicuramente si recheranno a Pietraroja per vedere il posto dove fu trovato Ciro e per apprezzare il museo nato qualche anno fa . Inoltre doteremo la struttura ed l’intera area di un sistema di video sorveglianza molto sofisticato ed all’avanguardia . Il nostro sogno è che Ciro , questo piccolo dinosauro , unico al mondo ,possa  ritornare a casa” .  Lo ha affermato Lorenzo Di Furia , sindaco di Pietraroja , intervenendo alla cerimonia di premiazione della Settima edizione di “Scipionyx Samniticus e la Paleontologia Nascosta” nell’ambito del “Progetto Permanente di Divulgazione Geologica” promosso dall’Onlus “Un Futuro al Sud” con il patrocinio dell’Ordine dei Geologi della Campania ,dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Benevento, del Comune di Pietraroja . “Siamo completamente contenti dell’annuncio dato dalla Soprintendenza – ha proseguito Di Furia -  del trasferimento di Ciro da Salerno a Benevento città.   Si tratta di un’apertura di questo ente che ha compreso l’importanza di far ritornare un reperto in quella che è la sua zona , per un discorso turistico e di attenzione al territorio . Credo che al momento sia opportuno che  Ciro sia a Benevento anche perché, essendo un pezzo unico al mondo va protetto, ma magari l’aria


di casa almeno qualche volta non gli farebbe male”.  Vincenzo Amato, Sabatino Ciarcia e Roberto Pellino, sono i geologi che hanno vinto la settima edizione del premio “Scipionyx Samniticus”. A loro sono state consegnate tre copie su lapide del piccolo dinosauro Ciro .   L’impegno sociale e professionale , dell’Ordine dei Geologi della Campania è costante .
“ Puntare sul geoturismo perché è una delle occasioni per promuovere e valorizzare il territorio campano che è ricco di geositi  - ha affermato Lorenzo Benedetto, tesoriere dell’Ordine dei Geologi della Campania - e dunque l’apporto del geologo serve a far conoscere questi luoghi, a valorizzarli ed a promuoverli anche da un punto di vista turistico, per contribuire a determinarne uno sviluppo sostenibile, capace cioè di coniugare fruizione e conservazione delle risorse geologiche del territorio. Quest’anno abbiamo puntato alla valorizzazione di una serie di peculiarità geologiche tra cui spicca ad esempio quella che andremo a visitare sabato 12 maggio. Si tratta delle Mefiti di Rocca San Felice, in provincia di Avellino, che rappresentano un’attrazione straordinaria dove si osserva un laghetto che ribolle a seguito delle emissioni di gas provenienti dal sottosuolo, costituite principalmente da anidride carbonica e acido solforico. Le rocce che generano queste emissioni, sono delle evaporiti depostesi tra i 5-6 milioni di anni fa durante la cosiddetta crisi di salinità del Messiniano,  evento geologico durante il quale le acque del Mar Mediterraneo evaporarono quasi completamente a causa della chiusura dello Stretto di Gibilterra”.
“L’Ordine – ha continuato Benedetto -  è dunque impegnato su più fronti : da una parte sulla conoscenza dei rischi geologici per prevenirli e ridurne gli effetti, dall’altra parte sulla valorizzazione e conservazione del territorio per le generazioni future. Due facce della stessa medaglia” che testimoniano la funzione anche sociale del geologo”.La geologia , la nostra storia , il territorio , l’amore per ciò che è cultura , passione , curiosità,  c’è davvero tutto nello straordinario calendario delle geoescursioni promosso


dall’Ordine dei Geologi della Campania e presentato a Benevento  . C’è anche tanta gioventù nell’impegno costante dei geologi . C’è la voglia di far vedere la Campania , di raccontare siti sconosciuti.
La Campania ma l’Italia tutta posseggono geositi di notevole valore scientifico ed anche turistico .

“Dopo aver visto le impronte degli ominidi , avremo un’altra spettacolare geoescursione - ha affermato Luciano Campanelli , consigliere dell’Ordine dei Geologi della Campania – quale sarà alle Mefite di Rocca , nell’avellinese”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©