Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

GF9: il triangolo va... grazie a Corona


GF9: il triangolo va... grazie a Corona
11/03/2009, 10:03

Tiene banco nella casa del Grande Fratello il complesso triangolo formatosi tra Vanessa, Gianluca ed Alberto. A chiudere il cerchio, però, è la strana coppia formata Siria e Monica, che orbita intorno ai due pretendenti della bella barista e, a quanto pare, presenta anche una componente saffica rafforzata dall’outing della bella mangiafuoco agli inizi del gioco e dalla dichiarazione “Siria non mi dispiace” della neo concorrente ascolana. A sollevare la polemica è stato Marco che dagli studi di Cinecittà ha mandato un messaggio a Vanessa dove mettendola in guardia da Alberto e Gianluca, accusati dal sexy portiere di essere dei galli che sorreggono un trofeo: la sua Vanessa che oramai è diventata un punto fermo della nona edizione del Grande Fratello. Ovviamente, il napoletano ha negato fino alla morte l’esistenza di qualche sentimento che vada oltre l’amicizia, ma non è stato creduto dopo che durante un confessionale sembrava molto estasiato.
 
Mentre la conversazione si volgeva in favore di Marco, Alfonso Signorini ha svelato alcuni arcani misteri riguardanti il bel portiere con l’intenzione di rovinargli la festa.  Il direttore di Chi ha dichiarato di aver ricevuto informazioni direttamente da Fabrizio Corona che lasciavano intendere l’infondatezza e l’improvvisazione della love story tra Marco e Lea. A detta di Signorini, Marco ha creato una storia fittizia con Lea prima di entrare nella casa al fine di crearsi un personaggio anche al di fuori delle mura domestiche di casa GF, sfruttando al meglio anche la stessa Vanessa, vittima inconsapevole dell’operazione mediatica costruita dal concorrente che per primo l’ha sedotta. Fatto sta che Fabrizio Corona valorizza tutto quello che tocca, le sue mille comparse prima o poi gli rendono una fortuna. E mentre il buon Fabrizio se ne sta nella sua Fattoria, i suoi ragazzi fanno scalpore nella tv italiana.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©