Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Il maestro pizzaiolo ricorda il grande Steve Jobs

Gino Sorbillo e la pizza "Apple"


Gino Sorbillo e la pizza 'Apple'
10/10/2011, 22:10

Arte, difesa della tradizione ed inventiva, sono certamente queste tre delle tante prerogative del maestro pizzaiolo Gino Sorbillo, lo stesso che a cavallo di una storia senza tempo come quella della pizza ha fatto schizzare ai massimi vertici la millenaria celebrità del caratteristico prodotto made in Naples. Ed è così che continuando a sfornare a ritmo serrato le sue fantasiose ed inimitabili pizze tutte tese alla gioia del palato degli amatori e dei buongustai, il patron della popolare ed antica pizzeria di via Tribunali, per celebrare a modo suo  l’indimenticabile “padre” della Apple, Steve Jobs recentemente scomparso, ha subito messo a punto una pizza capace di riprodurre la celebre “mela” che seguendo a ruota l’impegno di ingegneri, storici, sociologi, giornalisti e scrittori, ricorda in maniera originale e verace il grande innovatore della tecnologia digitale. Noto per aver introdotto nella società il primo personal computer  e prodotti di successo come iPod, iPhone e iPad, il mitico Jobs grazie alla fantasia dell’inarrestabile Gino rivivrà così in eterno anche attraverso la pizza “ Apple” che già sta spopolando sul web. Non nuovo a questo tipo di novità e stravaganze, Gino Sorbillo anche con la sua creazione dedicata al leggendario genio dell’informatica conferma la sua voglia di trasformare la “pizza”, inteso come simbolo di tradizione, in un motivo di rilancio sociale e culturale di una Napoli che non intende più soccombere dinanzi alle ingiustizie ed ai mali che da più parti l’affliggono.  Partita dalla famosa pizzeria situata nel cuore antico della città, la nuova pizza firmata Sorbillo, riproducendo il logo dell’azienda di Jobs, si attesta quindi come un ennesimo omaggio al grande Steve e  facendo singolarmente seguito a quello delle istituzioni, vede ancora una volta la città napoletana nel ruolo di capitale dell’estro e della fantasia.  

 

Commenta Stampa
di Giuseppe Giorgio
Riproduzione riservata ©