Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Giornalisti, il campano Armando De Rosa eletto nel consiglio di disciplina dell'ordine


Giornalisti, il campano Armando De Rosa eletto nel consiglio di disciplina dell'ordine
17/12/2012, 09:24

C’è anche un campano eletto nel Consiglio di disciplina nazionale dell’Ordine dei giornalisti. Armando De Rosa, già consigliere nazionale dell’OdG, è stato eletto nel corso di una riunione di Consiglio Nazionale e sarà uno dei 12 giornalisti che, in attuazione del Dpr di riforma delle professioni, assume in sé le funzioni disciplinari riguardanti l’attività giornalistica.
Dei 149 consiglieri nazionali, hanno partecipato alla votazione in 114 e di questi ben 54 componenti, distribuiti su tutto il territorio italiano, hanno dato fiducia ad Armando De Rosa, che è risultato quarto nell’ordine degli eletti.

Il Consiglio di Disciplina sarà guidato dal  lombardo Rino Felappi, il più anziano dei Consiglieri giornalisti, come stabilisce la norma, iscritto all’Ordine dei giornalisti della Lombardia dall’1 aprile 1949. La carica di segretario, invece, va alla più giovane dei dodici eletti: Francesca Santolini.

Sono contento per l’amico Rino Felappi e devo dire che condivido anche la norma che ad assumere la carica di presidente del consiglio di disciplina sia il consigliere più anziano. – ha detto De Rosa- L’idea deve essere giovane. La passione e l’amore di appartenere ad una categoria che può e deve aiutare l’Italia ad uscire dalla secca devono appartenere a chi intraprende una professione e si mette al servizio degli altri, facendo battaglie di libertà e di civiltà. Questa è l’eredità da lasciare alle giovani generazione, anche gli “spazi” e le poltrone, se ben meritate e “guadagnate” con l’impegno, i sacrifici, l’amore e la passione.- ed ha concluso- L’esperienza è un dono, che può e deve dare chi la possiede, ed il professionista avanti con gli anni e nella professione di esperienza ne ha e penso possieda anche quel pizzico di altruismo di cui oggi c’è tanto bisogno: sono qualità “ad includendum”, non “ad escludendum””.

Questo il dettaglio delle preferenze: Dario De Liberato, primo degli eletti con 81 preferenze. Dietro di lui: Pino Anzalone 71, Elio Donno 66, Armando De Rosa 54, Francesca Santolini 53, Michele Partipilo 52, Antonio Cembran 51, Saverio Paffumi 50, Laura Trovallesi Cesana 48, Paolo Giovagnoni 44, Luisella Seveso 41 e Rino Felappi 27. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©