Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

GIORNATA DELLA PAGNOTTA CONTRO IL CARO PREZZI


GIORNATA DELLA PAGNOTTA CONTRO IL CARO PREZZI
18/09/2008, 14:09

Ancora una volta i prezzi dei generi alimentari segnano una crescita vertiginosa dei prezzi dal campo alla tavola, un rialzo che arriva a sei volte la cifra corrisposta, per ortaggi e frutta, agli agricoltori. Aumenti immotivati, sottolinea il Rappresentante della Consulta Nazionale dell’Agricoltura, Rosario Lopa, a margine delle iniziative di oggi a Napoli, contro il Caro Prezzi, che, continua Lopa, sulla base delle statistiche relative al mese di Agosto inizio Settembre dell'Osservatorio prezzi fornisce alcuni dati di questa macroscopica inflazione. Oltre agli eclatanti aumenti di cipolle (+567%), limoni (+519%), carote (+400%) e arance (+332%) c’è da rilevare il preoccupante calo nei consumi domestici di verdure (-25) e frutta (-16%) verificatosi nel gennaio scorso, un fenomeno strettamente legato all'impennata dei prezzi al dettaglio che ha drasticamente ridotto il potere di acquisto dei consumatori Partenopei.

Una situazione che rischia dunque di generare pericolosi effetti sulla domanda e di aggravare così ulteriormente la condizione economica dei produttori agricoli, già fortemente penalizzati dalle dinamiche di un mercato che avvantaggia soprattutto la grande distribuzione. Per invertire la forbice dei prezzi e garantire i diritti di consumatori, agricoltori e produttori, rispettivamente ad una corretta alimentazione e ad un adeguata remunerazione, occorre, sottolinea l’esponente della Consulta, un impegno per la trasparenza nel passaggio degli alimenti dai campi alla tavole che riguarda la formazione dei prezzi, le caratteristiche qualitative dei prodotti e la correttezza dell'informazione in etichetta per arrivare ad un riequilibrio nei rapporti tra imprese agricole, distribuzione e consumatori. Una strategia, afferma Lopa, che oltre ad assicurare un ritorno positivo in termini economici contribuisca, con la crescita dei consumi di ortaggi e frutta, a favorire una migliore alimentazione nella popolazione italiana colpita, come rivela l'ultimo rapporto della Commissione europea, da un preoccupante aumento dell'obesità e delle malattie legate ad un eccessivo e scorretto consumo di cibo. Favorire la ripresa dei consumi dei prodotti Campani, conclude Lopa, e consentire a tutti i cittadini di approfittare delle proprietà di prodotti indispensabili per la salute sono dunque gli obiettivi che il mercato deve raggiungere per arrestare una crisi che rischia di danneggiare fortemente il settore.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©