Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Giornata di Studio-Convegno “Esclusione sociale, emarginazione e devianza giovanile: la via dello sport”


Giornata di Studio-Convegno “Esclusione sociale, emarginazione e devianza giovanile: la via dello sport”
25/05/2012, 17:05

Al Polifunzionale di Soccavo, si terrà il 26 maggio 2012, nella palestra “Quota 10”, il convegno di Giornata di studio organizzato dalla SRdS Campania, C.R. Coni Campania, C.P. Coni Napoli e Fondazione Laureus Sport for Good Italia onlus in collaborazione con le ASD VIVI BASKET Napoli e Palasport Soccavo.

Al convegno saranno presenti politici, dirigenti sportivi, operatori del Settore e docenti che si confronteranno sul tema del rapporto nelle sue forme più critiche tra il giovane cittadino e la Società. In particolare, l’esclusione, l’emarginazione e le devianze sono specifiche e tipiche modalità di rapporto che il bambino-adolescente può vivere rispetto alla Comunità di appartenenza.

Il Comitato Regionale Campania e la SRdS, nella figura del Presidente Cosimo Sibilia, ha voluto questa giornata di studio nella convinzione che lo sport sia una delle vie possibili per contrastare queste forme patologiche di socialità. Interverranno come relatori: la professoressa Gozzoli, che delineando ciò che l’Italia e l’Europa si realizza per affrontare questo problema; la presenz degli assessori D’Angelo e Tommasielli, e del questore Merolla, conferma l’attenzione del Comune di Napoli e delle autorità verso lo sport come strumento di inclusione sociale.

Gli interventi successivi di Arnaldo Rossi del progetto Laureus, di Giovanni Dalla Libera, del Progetto del CONI Napoli a Nisida, della dottoressa Tonia Bonacci, psicoterapeuta SIPI e docente SRdS Campania, nonché coordinatrice scientifica della giornata assieme a Tommaso Biccardi, coordinatore didattico e scientifico della SRdS Campania, di Roberto di Lorenzo, del Progetto Vivi Basket, e di Domenico Trozzi per il progetto “Prossimità alle Istituzioni”, rappresenteranno le testimonianze reali e concrete di come lo sport possa diventare un valido strumento di prevenzione e di educazione alla vita civica.

Il convegno, che avrà inizio alle 9:00, è rivolto ai dirigenti sportivi, di cooperative e associazioni che lavorano nel sociale, allenatori e istruttori, educatori, insegnanti e docenti di educazione fisica, psicologi, studenti che potranno assistere in modo libero e gratuito.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©