Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Giornata mondiale dell’alimentazione: riapre l’orto botanico


Giornata mondiale dell’alimentazione: riapre l’orto botanico
17/10/2011, 18:10

POMPEI- In occasione della giornata mondiale dell’alimentazione l’Orto Botanico degli Scavi di Pompei è stato riaperto al pubblico come aveva annunciato già il Soprintendente Teresa Elena Cinquantaquattro e rimarrà accessibile al pubblico dal  16 fino al 30 ottobre 2011. Si tratta di un’area di oltre 800 mq, curata dal Laboratorio Ricerche Applicate della S.A.N.P diretto dal Dr Ernesto De Carolis, dove sono raccolte tutte le specie che vivevano già nella città antica: alberi da frutta, piante medicinali e sacre, ortaggi, piante palustri e tessili.
Con accesso da Via dell’Abbondanza ed uscita sul Foro triangolare, dotato di un ampio giardino adibito ad area di sosta per i visitatori, l’Orto Botanico presenta un percorso, già realizzato da Annamaria Ciarallo, diviso per temi con apparato informativo in italiano e inglese.
La  scelta di riaprire l’orto in questa giornata è mossa dalla considerazione che per gli antichi, uno dei maggiori problemi era la conservazione dei cibi: per questo motivo erano molto importanti frutti a guscio duro come le noci, mandorle e nocciole. Presenti nell’orto pompeiano anche alberi di mele, pere cotogne, sorbe e soprattutto fichi e olivi i cui frutti potevano essere essiccati o conservati a lungo. La presenza di questi alberi testimoniano inoltre l’importanza del legno tra gli antichi per gli usi di falegnameria a fini edili e navali. Tra le piante medicinali e aromatiche troviamo nell’orto il basilico, la maggiorana e il timo, ancora oggi riconosciuto come antisettico, così come l’aglio, indicato per la pressione alta e la ruta, dagli effetti abortivi. Nel percorso dell’Orto Botanico non potevano mancare le piante fluviali e palustri, che avevano grande importanza  nella vita di ogni giorno: il frassino, con il cui  legno molto flessibile si costruivano le doghe dei letti; il salice, usato per intrecciare canestri; il pioppo, ridotto in lamine per i cesti. Per colare la ricotta venivano utilizzati invece i giunchi, con i quali si legavano anche le verdure. Importantissime erano le canne, con le quali si costruivano strumenti musicali, trappole e lance, ma venivano anche imbottiti materassi, costruiti tutori per le viti e pareti divisorie per le case. Tra gli ortaggi, tutti citati dagli agronomi classici, nell’orto si possono trovare tutte le granaglie, ovvero leguminose e cereali (ceci, lenticchie, piselli, fave, cicerchie) che venivano cucinate come zuppa .
Le piante tessili più comuni erano il lino, la canapa, la ginestra, con le quali venivano realizzati stoffe ma anche cordami, reti, vele, mentre i cascami servivano per gli stoppini delle lucerne. Con le infiorescenze di ontano si tingevano invece le stoffe mentre il cardo dei fulloni era usato per cardare la lana. Infine, sono presenti nell’Orto Botanico anche le piante coronarie sempreverdi a cui Plinio dedicherà il XXI libro della sua opera, che erano usate per intrecciare in corone celebrative, culturali o terapeutiche.

 

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©