Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Con "La musica in testa" premiato a Napoli

Giovanni Allevi trionfa al premi Elsa Morante

Dal piano alla pergamena, l'altra faccia del compositore

.

Giovanni Allevi trionfa al premi Elsa Morante
23/05/2011, 11:05

NAPOLI – Il premio Elsa Morante edizione 2011 vede tra i vincitori, quest’anno, un pianista di fama mondiale, il Maestro Giovanni Allevi, in gara con il libro dal titolo “La musica in testa”. Sul podio con lui anche Ennio Cavalli che ha scritto “ I gemelli giornalisti sono io” e Chiara Letta con “Alla scoperta di Caravaggio”. Allevi si definisce un eterno bambino con tanta voglia di scoprire il futuro bramoso di curiosità e di apprendere, poi alla domanda se si identifica più con il “Fanciullino “ del Pascoli o ad un moderno “Peter Pan” lui risponde:”Indiscutibilmente un moderno Peter Pan, che ha tanta voglia di sapere, di conoscenza”, poi continua:” sono un fan del presente, stiamo vivendo un epoca difficile di transizione, che si apre al nuovo; tante cose si possono fare altre cose si possono inventare. Questo è un bel momento”. Presidente di giuria la scrittrice Dacia Maraini, tra i giurati: Francesco Cevasco, Enzo Colimoro, Chiara Gamberale, Tjuna Notarbartolo, Emanuele Trevi e Teresa Triscari. Il tutto si è svolto nello splendido e suggestivo Teatrino di Corte di Palazzo Reale. Il Premio Morante quest’ anno ha visto coinvolti più di mille alunni provenienti da diverse scuole Campane, ed è proprio diretto alla Regione Campania commento dispiaciuto della curatrice dell’ evento, la Dott. Tjuna Notarbartolo che dice:” E’ imbarazzante portare nella nostra regione nomi illustri di livello nazionale ed internazionale e dovergli spiegare che gli assessori al ramo hanno sostenuto di tutto, (basta leggere il bilancio regionale), ma non il Morante” e continua, “Al premio Elsa Morante Ragazzi hanno assegnato zero: il premio è completamente autofinanziato. Eppure, è la prima manifestazione culturale della Campania per riscontro sui media nazionali, per il numero di persone coinvolte, per il prestigio di nomi e la qualità delle scelte”. Loda invece i pregi della manifestazione e della sua importanza la scrittrice Dacia Maraini:”Credo che sia importante cercare di mettere a contatto il mondo dei libri e delle idee con i ragazzi. E’ una bella cosa potere dare loro l’occasione di incontrare persone che hanno dedicato la vita alla creatività”. Ancora una volta è la cultura e la comunicazione di essa che per certi aspetti tiene banco tra i giovani, che sempre in maniera copiosa partecipano al premio Elsa Morante Ragazzi.

Commenta Stampa
di Antonio Sarracino
Riproduzione riservata ©