Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Giovedì l’ultimo concerto di CONVIVIO ARMONICO 2011 – Autunno Barocco


Giovedì l’ultimo concerto di CONVIVIO ARMONICO 2011 – Autunno Barocco
27/12/2011, 09:12

Giovedì 29 ottobre alle ore 20.00 nella suggestiva Abside della Basilica Reale e Pontificia di S.Francesco di Paola in Piazza del Plebiscito, si terrà l’ultimo concerto di CONVIVIO ARMONICO 2011 – Autunno Barocco , la serie di eventi musicali promossi da AREA ARTE Associazione, anche in questo caso con la collaborazione della Rettoria della Basilica Reale e Pontificia di S. Francesco di Paola ed inseriti anche nella Rassegna TEMPO DI NATALE del Teatro Sancarluccio.



La proposta, particolarmente importante dal punto di vista musicologico, vedrà l’Ensemble “LE MUSICHE DA CAMERA” presentare un programma incentrato sulla riproposta in prima esecuzione moderna di brani di musica, sacra e strumentale, di Davide Perez autore della Scuola Napoletana del ‘700 al quale Area Arte ha dedica particolare attenzione nel corso del 2011 per la serie “Gli Anniversari della Musica” in occasione dei 300 anni dalla nascita, assieme a Gaetano Latilla e Antonio Palella .

Perez, napoletano di nascita, studiò nel Conservatorio di S. Maria di Loreto con Francesco Mancini, Giovanni Veneziano e con Francesco Barbella, ed è stato uno fra i più importanti compositori italiani di opera seria e di musica sacra del Settecento europeo attivo in particolare in Italia (Napoli, Roma e Palermo in qualità di maestro nella Cappella Palatina) e alla corte Portoghese.



Il programma prevede dopo l’apertura del concerto con una benaugurante Pastorale strumentale di Anonimo, l’esecuzione di quattro opere di Perez in prima esecuzione. Una SONATA concertata per Violino con ripieni e basso, il NISI DOMINUS per soprano e archi, il CONCERTO a Flauto tra versiere e archi (recentemente inciso dall’ensemble in un cd di prossima pubblicazione dedicato alla scuola flautistica napoletana del ‘700), e la SALVE REGINA per Alto con archi e basso continuo.



Chiude il concerto il duetto tratto dal mottetto in pastorale “Sperno Gregem” del sannita di scuola napoletana Carmine Giordano, al quale Area Arte e Le Musiche da Camera nel 2008 hanno dedicato la sezione Anniversari e del quale stanno riscoprendo le opere.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©