Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Gipi parla del suo nuovo film al Napoli Film Festival


Gipi parla del suo nuovo film al Napoli Film Festival
14/10/2011, 14:10

“Proprio ieri ho firmato il contratto per il mio secondo film, cominciamo a girare l’estate prossima”. Lo ha rivelato oggi al Napoli Film Festival Gipi, durante la sua lezione di cinema agli studenti napoletani.

“L’idea – ha detto l’ex autore di fumetti - c’è ma deve essere ancora ben delineata, quindi è presto per parlarne. Posso dire sarà una storia originale, non tratta da un libro come L’ultimo terrestre. Al 99% lo ambienterò ancora una volta in Toscana. Gli interpreti? Probabilmente ci sarà di nuovo Gabriele Spinelli, il protagonista del mio primo film”.  Gipi ha anche sottolineato che “probabilmente non tornerò più a fare fumetti, non ho più la giusta ispirazione”.

Domani sera, , sabato 15 ottobre, sarà invece Paolo Virzì il protagonista della serata al Napoli Film Festival. Il regista livornese incontrerà il pubblico napoletano nell’auditorium di Castel Sant’Elmo alle ore 20.45: in una conversazione con il giornalista e scrittore Antonio Monda, Virzì racconterà del suo rapporto con il cinema attraverso le clip dei film che più hanno segnato il suo percorso di formazione artistica.

In mattinata, dalle 11, la lezione di cinema agli studenti sarà tenuta da Cecilia Mangini, documentarista che ha cominciato la carriera lavorando con Pier Paolo Pasolini. Per il concorso Europa-Mediterraneo arriva domani La zanzariera, ritratto dolceamaro di una famiglia borghese spagnola che tende sempre più a chiudersi nel proprio microcosmo. Il film del regista catalano Augustin Villa, con Geraldine Chaplin, ha ricevuto diversi premi, tra cui L’Antigone d’Oro 2010, e verrà proiettato alle 16.30 in auditorium. In serata, alle 22.30 l’auditorium ospita Europolis, film franco-rumeno del regista Cornel Gheorghita che racconta di una famiglia rumena che viaggia verso la Francia per recuperare la salma di uno zio che come ultima volontà aveva chiesto di essere seppellito in patria.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©