Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Giubileo Napoletano, aderisce anche la Cisl


Giubileo Napoletano, aderisce anche la Cisl
14/12/2010, 14:12


NAPOLI - La Cisl Campania e la Cisl di Napoli confermano la piena adesione all’iniziativa promossa dal Cardinale Crescenzio Sepe per un Giubileo napoletano e parteciperanno compatte alle iniziative e alla fase di elaborazione delle proposte per il risveglio della città di Napoli. All’appuntamento inaugurale in programma per il 16 dicembre prenderanno parte il Segretario Nazionale Raffaele Bonanni, il Segretario della Cisl Campania Lina Lucci e di Napoli Gianpiero Tipaldi, assieme a numerosi iscritti e rappresentanti della Cisl. «Ringraziamo il Cardinale Sepe per aver saputo tradurre in iniziative concrete, e che aprono alla speranza, le tante sollecitazioni che anche la Cisl gli ha rivolto in questi anni bui per Napoli e per la Campania – ha dichiarato Lina Lucci. Il nostro territorio è dilaniato oltre che dalla disoccupazione, dalla povertà e dagli enormi problemi concreti, anche a causa della mancanza di punti di riferimento seri e credibili. La politica in questi anni ha dato il peggio di sé e ancora oggi, nonostante gli sforzi che riconosciamo in capo al Presidente della Regione, Stefano Caldoro, stenta a ridare la fiducia necessaria per ritrovare una speranza collettiva. L’iniziativa del Cardinale Sepe ha un enorme valore, oltre che simbolico, concreto. La possibilità di raccogliere le proposte che vengono dai sindacati, dalle imprese e dalla società civile può consentire di affrontare meglio problemi che troppo spesso politica e istituzioni si sono attardate a gestire, invece che provare a risolvere. E può essere anche l’occasione per recuperare l’unità sul piano sindacale, che tanto è mancata in questi mesi. La Cisl presenterà al Cardinale le proprie proposte e ribadirà la necessità forte che le Istituzioni, la Regione in primis, passino ora a una “fase due”: dal binomio rigore nei conti e soluzione di singole vertenze, che ha caratterizzato il 2010, occorre volgere lo sguardo al 2011 – ha concluso Lucci - con un nuovo duplice obiettivo: sviluppo e lotta agli sprechi».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©