Cultura e tempo libero / Viaggi

Commenta Stampa

Gli amori nati in vacanza sono più duraturi

Sotto l’ombrellone sbocciano le storie più coinvolgenti

Gli amori nati in vacanza sono più duraturi
08/07/2013, 10:20

Se la primavera è notoriamente conosciuta come la stagione in cui sboccia tutto, anche l’amore, l’estate è la stagione in cui si colgono i migliori frutti: gli amori nati in estete durano di più! Ben il 41% dei partecipanti al sondaggio effettuato da Eliana Monti su un campione di 2000 iscritti al sito, ha dichiarato che le relazioni più longeve dalle quali sono stati coinvolti, siano nate principalmente nella stagione estiva.

 

L’estate è la stagione in cui il senso di libertà sembra accompagnare ogni nostro gesto, le persone sono portate a godere di più della propria vita, uscendo, vedendo amici, divertendosi; tutte situazioni in cui la convivialità può suscitare incontri amorosi. La sorpresa arriva quando si scopre che i classici e fugaci “amori estivi”, cedono il posto alle storie durature e coinvolgenti.

 

La fondatrice dell’omonimo club per single, Eliana Monti, ha indicato quali possono essere i motivi che giustificano tale percentuale: ”Effettivamente ad una lettura superficiale può risultare un dato in netta controtendenza, ma se si riflette proprio sul potenziale di questa stagione - la libertà che infonde, la spensieratezza con cui le persone sentono di vivere le calde sere d’estate - è facile capire come siano mentalmente predisposte ad incontri sentimentali. L’amore arriva quando non lo si attende, e proprio d’estate, quando nessuno si ritrova alla ricerca di una storia seria, si approccia all’altro sesso con la mente libera da qualsiasi preoccupazione o preconcetto e si è quindi realmente predisposti all’amore”.

 

Con una percentuale di non poco inferiore, il 26% dei partecipanti al sondaggio ha dichiarato di essersi innamorati ed aver avuto le storie più durature in autunno. “L’autunno è la stagione che fa da preludio all’inverno, periodo in cui spesso giova avere una persona al proprio fianco con cui trascorrere serate casalinghe al riparo dal freddo; e questo fa dell’autunno la stagione ideale per poter testare i propri sentimenti in preparazione all’inverno”, aggiunge la signora Monti.

 

Un 23% dichiara di non aver notato all’interno della propria vita sentimentale una specifica tendenza “stagionale” in riferimento alla durata delle proprie storie; mentre solo il restante 9% ha avuto relazioni longeve nate in inverno: “Non credo che l’inverno sia una stagione sentimentalmente ‘fredda’, semplicemente l’uscire meno ed avere meno vita sociale limita gli incontri e di conseguenza le relazioni - aggiunge la signora Monti e conclude - L’estate è ormai arrivata, nonostante la lunga attesa: attenzione quindi ai cupidi e buona fortuna a tutti per i futuri incontri”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©