Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Il dossier del WWf: risultato gratificante

Gli italiani hanno fame di natura: “L’Italia dei parchi”


Gli italiani hanno fame di natura: “L’Italia dei parchi”
06/12/2011, 13:12

ROMA - Due terzi degli italiani conoscono le aree naturali protette, il 90 per cento ne riconosce l’importanza per il benessere umano e l’economia del Paese e il 50 per cento è disposto a versare un contributo specifico allo Stato per garantirne gestione e sviluppo. A 20 anni dalla legge quadro, il WWF lancia il dossier “L’Italia dei parchi”, chiedendo agli italiani cosa pensino delle aree naturali protette, “patrimonio inestimabile che, tra difficoltà e successi, tutela oggi oltre il 10,42 per cento del territorio italiano” ed è riuscito a “salvare dall’estinzione specie rarissime come il camoscio d’Abruzzo e l’orso bruno, il lupo, il gipeto, il pino loricato”.
Il risultato del dossier non può che essere considerato gratificante: oltre il 90 per cento riconosce alle aree protette una notevole importanza, soprattutto per il benessere delle persone e delle generazioni future. “Gli italiani hanno fame di natura e hanno dimostrato che le aree naturali protette sono una presenza viva nel tessuto del nostro Paese - ha detto Stefano Leoni, presidente del WWF Italia - e poiché le percezioni positive aumentano tra coloro che hanno avuto esperienze dirette di contatto con la natura, l’invito che facciamo a tutti gli italiani è di andare nei parchi, nelle riserve e nelle oasi del WWF perché è lì che si può cogliere la loro incredibile bellezza e importanza”.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©