Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Gnut, Giovanni Block e Alessandro Raina per una tre giorni di musica al TIN


Gnut, Giovanni Block e Alessandro Raina per una tre giorni di musica al TIN
09/05/2011, 12:05

Nel delirio di ogni giorno, sebbene ci siano molteplici modi di comunicare il proprio dissenso, c’è n’è uno nel quale l’associazione culturale SASQUATCH s’identifica maggiormente: la musica. Per la sua straordinaria capacità di trovare strade personalissime ed immediate nel raggiungere chi ascolta quando voce e chitarra si trasformano in rappresentazioni mistiche di sentimenti ed immagini.

Dall’esigenza di condividere l’esperienza musicale in un luogo intimo e informale, dove musicisti e pubblico riescano a guardarsi in faccia, mostrandosi reciprocamente sensazioni, nasce “Pensator della Restia Sponda”. Sotto la direzione artistica di Massimo Loffredo, 4 cantautori ed un teatro nel cuore del centro storico napoletano ci restituiranno questo dualismo emozionale. Tre artisti italiani, presente e futuro del cantautorato contemporaneo, tre diversi modi di vivere il mestiere dell’artista e come special guest un “pensator” d’oltremanica che con un paio di “interferenze” completerà questi incontri.

La rassegna aprirà giovedì 12 maggio (ore 22,30 - 7 euro) con l’anteprima napoletana del secondo ed atteso album degli Gnut, “Il Rumore della luce” (themusicessence/settembre 2011) prodotto da Piers Faccini, che si avvale delle collaborazioni illustri di Mauro Pagani, e Rodrigo D'Erasmo (Afterhours) (in promo per Rolling Stone il video del primo singolo estratto Controvento http://youtu.be/e2BZ1KdBeMY ).

Martedì 19 maggio (ore 22,30 - 5 euro) sarà la volta di Giovanni Block, giovanissimo cantautore rivelazione degli ultimi anni, che tra la consegna di un premio e l’altro (Musicultura, Premio Tenco, Università delle Marche), ci regala l’ultima data live del suo tour prima dell’uscita del disco d’esordio. Ad aprire il concerto del giovane napoletano, il londinese Nick Mulvey (ore 22), conosciuto come percussionista di Hang-Drums e per aver lanciato il progetto di jazz ipnotico Portico Quartet. Nel 2011 Mulvey ha iniziato la sua carriera solista come chitarrista e cantante e per la prima volta a Napoli proporrà il suo progetto inedito.

L’ultimo appuntamento è affidato (24 maggio ore 22,30 - 5 euro) alle note di Alessandro Raina ex voce dei Giardini di Mirò, fondatore e autore degli Amor Fou, band rivelazione della nuova scena cantautorale italiana, finalista al Premio Tenco 2010. Utilizzando il moniker Casador (ispirato a Totò in Miseria e Nobiltà) Raina, porta avanti un progetto solista dove propone un sound che si sposta verso l'indietronica e il country grazie a pezzi di solo piano o a strumentali post-rock.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©