Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Uno scrittore:"Incredibili somiglianze con il mio libro"

Golden Globe: "Baaria" in gara ma è accusato di plagio


Golden Globe: 'Baaria' in gara ma è accusato di plagio
15/12/2009, 19:12

BEVERLY HILLS - Una sorpresa, graditissima, quella della potenziale nomina di "Baaria" come miglior film straniero ai Golden Globe 2009. I film che faranno da concorrenti al lavoro di Giuseppe Tornatore sono "Gli abbracci spezzati" di Pedro Almodovar, il film cileno "la nana", il made in france "Il profeta" e il lungometraggio  del tedesco Michael Haneke (già vincitore a Cannes) "Il Nastro Bianco". Una sfilata di contendenti di tutto rispetto, dunque, per il film rivelazione del regista italiano. A proposito di rivelazione: la festa per la candidatura e l'eventuale vincita dell'ambito premio, Tornatore potrebbe vedersela rovinata dalle dichiarazioni dello scrittore e filologo Giovanni Sapia. L'uomo, infatti, sostiene che "la sceneggiatura di Baarìa ha inspiegabili corrispondenze col mio libro Il romanzo del Casale". Tale romanzo, spiega l'autore "lo inviai alla Sellerio nel 2007 ma mi fu restituito, dopo numerose sollecitazioni, con una lettera di rifiuto". Il lavoro venne comunque pubblicato ma dalla Pironti e solo nel 2009. Le incredibili congruenze, conclude Sapia, "sono per me al momento ancora inspiegabili ma mi procurano enorme dolore".
Ombra di clamoroso plagio a parte, Baaria, aggiundicandosi il Golden Globe (la premiazione è prevista per il 17 di gennaio), si assicurerebbe un validissimo biglietto da visita per le nomitation agli Oscar annunciate il prossimo 2 febbraio in attesa della cerimonia ufficiale del 7 marzo prossimo.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©