Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Ha eluso il sistema di sorveglianza. Preso dai Carabinieri

Grande Fratello 11: mitomane cerca di entrare nella Casa


Grande Fratello 11: mitomane cerca di entrare nella Casa
10/01/2011, 18:01

ROMA – Attimi di terrore al Grande Fratello. Ieri sera, intorno alle 20, un mitomane ha cercato di intrufolarsi nella Casa più famosa d’Italia. Il folle ha eluso i controlli di Cinecittà spacciandosi per un nuovo concorrente. Una volta giunto all’ingresso degli studi dove è allestita la location della trasmissione, però, gli agenti di sicurezza sono riusciti a bloccarlo e a tenerlo fermo fino al’arrivo dei carabinieri. Solo a quel punto il giovane, che poi si è appurato essere un cittadino romano di 38 anni, si è calmato.
Durante la perquisizione gli inquirenti gli hanno trovato addosso un coltello ed un tirapugni. Così l’uomo è stato denunciato per porto abusivo di armi e violenza privata aggravata. Attualmente, è ricoverato in ospedale per accertarne le condizioni di salute mentale.
Non è comunque la prima volta che qualcuno prova ad attraversare la porta del Grande Fratello. Nella prima edizione (targata anno 2000) a finire in manette fu un mitomane che, armato di fionda, lanciò all'interno del giardino della casa una pesante pallina di piombo, avvolta in un foglietto. Era un messaggio d’amore per la “gatta morta” marina La Rosa. L'uomo, che era riuscito a scavalcare il muro di cinta di Cinecittà, venne arrestato poco dopo dai carabinieri. Altri tentativi, quasi un migliaio, si sono contati nel corso delle diverse edizioni del programma ma tutti sono stati arginati dalle recinzioni e dal servizio di security che vigila 24 ore su 24 sulla casa e i suoi inquilini. La più memorabile risale al novembre del 2000: una mongolfiera di ''Quelli che il calcio…', guidata dal comico Paolantoni, tenta per la prima volta di violare la 'privacy' della Casa e l'isolamento con le notizie dall'esterno imposto ai concorrenti. Missione fallita. La produzione del GF risponde con un idrante, un fumogeno e musica a tutto volume dalla regia. Nessuno tocchi il bunker.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©