Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

GRANDE SCOPERTA NEL MONASTERO DI SANTA MARIA DEGLI ANGELI


GRANDE SCOPERTA NEL MONASTERO DI SANTA MARIA DEGLI ANGELI
18/03/2008, 13:03

Il restauro del patrimonio artistico del convento francescano di Santa Maria degli Angeli al confine fra le due Nocera ormai si avvia a conclusione, ma non senza aver restituito importanti novità. Durante il restauro di uno dei dipinti si è intuito che sotto l'immagine di un santo se ne nascondeva un altro. L'opera in questione è "La Madonna con Bambino fra i santi Nicola di Bari e Ludovico da Tolosa". E' notorio che quest'ultimo abbia avuto i natali proprio a Nocera Inferiore, forse nel castello angioino, noto come castello Fienga. Fino a qualche mese fa nel citato dipinto era raffigurato con i suoi paramenti vescovili e con l'indice che indicava una fortificazione affacciata sul mare. Il particolare ha aperto non poche discussioni fra gli esperti, attribuendolo a una non conoscenza dell'autore del teritorio nocerino. In realtà la figura di san Ludovico è stata ridipinta sopra quella di un altro santo francescano. Dalle prime tracce emerse la Direzione dei Lavori, condotta dal Dott. Antonio Braca della Soprintendenza BAPPSAE di Salerno, imponeva delle scelte precise se mantenere il falso oppure liberare l'immagine sottostante. Innanzitutto è stato necessario con la ditta esecutrice, la Ditta Solito s.r.l. di Martina Franca, stabilire quale fosse lo stato conservativo dell'immagine sottostante. Individuato che era perfettamente conservata, la scelta di procedere è stata presa con i frati del convento, i quali hanno dato l'assenso al recupero del'originale. Così sotto san Ludovico da Tolosa è tornata alla luce una splendida immagine di Sant'Antonio da Padova. L'intero dipinto è opera di uno dei più importanti pittori della cerchia tardomanierista riformata, probabilmente Giovan Bernardino Azzolino o Fabrizio Santafede, attivi nei primi decenni del Seicento.

Il quadro insieme ad altri dipinti e all'intero chiostro affrescato sarà a disposizione dei visitatori dal giorni 25 Marzo alla fine del mese in occasione della Settimana della Cultura. Sono previste su prenotazione visite guidate ai restauri che saranno condotte dal Dott. Antonio Braca e dalla Dott.ssa  Laura Perna.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©