Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

GUSTAMINORI: DOVE ARTE E SAPORE SI FONDONO


GUSTAMINORI: DOVE ARTE E SAPORE SI FONDONO
08/09/2008, 18:09

Quando si parla di sapore e arte spunta il nome del GustaMinori. La dodicesima edizione della kermesse settembrina capace di proporre le sue vie dell’arte e del palato in un palcoscenico suggestivo e spettacolare come quello di Minori antica patria di pastai, è pronta ad alzare il sipario. E, quest’anno, nei giorni del GustaMinori, spicca anche il Premio internazionale di Letteratura Enogastronomica che la giuria presieduta da Tullio Gregory e composta tra gli altri da Lidia Ravera, Maria Concetta Mattei e Luca Maroni assegnerà domenica sera 14 settembre ad uno dei cinque finalisti.

 
La quintina è stata resa nota ieri mattina nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’evento che treatralizzerà Minori dal 12 al 14 settembre e che si è svolta presso il salone di rappresentanza dell’Ente Provinciale per il Turismo di Salerno. Così come il programma della kermesse realizzato per la parte musicale da Gerardo Buonocore e per quella artistica da Lucia amato che è stato presentato dal presidente del GustaMinori Andrea Reale.
 
“Quest’anno sarà ‘O culore d’ ‘e pparole il titolo della dodicesima edizione – ha detto Reale – che trasformerà Minori in un teatro all’aperto. Gli spettacoli, tutti unici nel loro genere, sono dedicati ad un tema semplice e nello stesso tempo complesso qual è quello delle emozioni dell’uomo. Come l’odio, l’amore, la passione. E per ciascuno di questi è stato individuato un colore che segnerà anche il percorso tra vicoli e slarghi del paese”.
 
Ad annunciare i finalisti del premio di letteratura enogastronomica (Patrizia Bollo con Mangiocando; Ciro Cenatiempo, La cucina nel regno di Nettuno; Paolo C. Conti, La leggenda del buon cibo italiano e atri miti alimentari contemporanei; Roberta Corradin, Le cuoche che volevo diventare; Giuseppe Sicheri, Il libro completo del vino) è stato il segretario del Premio Giuseppe Liuccio che nel rendere noto anche un premio alla città di Tramonti per l’opera di promozione della tipicità locale, ha sottolineato l’importante sinergia della manifestazione tra arte, spettacolo e gastronomia. “Quest’anno si punta a superare le 5000 presenze”, ha detto Liuccio, a proposito del GustaMinori, uno degli attrattori su cui da tempo scommettono Regione Campania, Ept e Provincia di Salerno.
 
“Su questa edizione c’è una forte apertura di credito da parte della Regione – ha sottolineato l’amministratore dell’Ept e dell’azienda di soggiorno e turismo di Maiori, Gennaro Avella – GustaMinori rientra in una serie di eventi che animeranno questi week end di settembre in Costiera dove si svolgeranno anche il Festival delle Repubbliche Marinare ad Amalfi e il Premio Massine a Positano”.
 
Di unione della qualità ha invece parlato l’assessore all’agricoltura della Provincia, Corrado Martinangelo, secondo il quale “i colori del GustaMinori sono un’alleanza di qualità tra pubblico e privato”, mentre il vice presidente del consiglio regionale, Gennaro Mucciolo, ha sottolineato “la validità dal GustaMinori che ormai seguo da diversi anni”.  
 
Non solo arte ma anche palato. La kermesse, nel suo percorso gastronomico realizzato da Ezio Falcone, proporrà una serie di pietanze tra cui spiccano ‘o casatiello, i ricci alle erbette dei Monti Lattari, i taglierini di grano con ragù di polpette, tubettoni con salsa di zucchine, pomodorini e tonno, tortino di parmigiana di alici. E i dolci di Sal De Riso e della pasticceria Gambardella.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©