Cultura e tempo libero / Enogastronomia

Commenta Stampa

Gustus, accoglienza mediterranea per la Federazione Italiana Cuochi


Gustus, accoglienza mediterranea per la Federazione Italiana Cuochi
22/11/2017, 10:26

Sono oltre 200 le personalità e gli chef transitati dallo stand dell'Accademia enogastronomica MedEATerranea a Gustus. Un salotto culturale dedicato all'agroalimentare e , soprattutto, a diffondere la cultura del mangiar sano e del mangiar bene che deriva da una approfondita conoscenza, come evidenziato dal professor Antonio Giordano presidente dello Sbarro Institute di Filadelfia e direttore scientifico dell'Accademia.

Proprio sul tema del cibo che fa bene alla salute è intervenuto il vicepresidente di MedEATerranea, Ernesto Quintiliani , nell'ambito dell'incontro organizzato dalla Regione Campania su "la Dieta Mediterranea, valore riconosciuto dall'Unesco come patrimonio universale", al quale hanno preso parte le massime autorità del settore: il capo della segreteria del Presidente della Regione Vincenzo De Luca, Franco Alfieri e l'assessore alle Politiche Agricole e Forestali della Regione Basilicata, Luca Braia.

Sempre nella tre giorni dedicata al gusto che si è svolta alla Mostra d'oltremare, l'Accademia ha garantito accoglienza ad oltre 1500 cuochi della Fic che hanno preso parte alla 29esima edizione del congresso della Federazione: nei saloni del ristorante della piscina, gestiti da Sire Ricevimenti, main sponsor di Accademia MedEATerranea, si sono alternate le delegazioni regionali della Federazione che hanno deliziato i presenti con i piatti tipici dei rispettivi territori. Sempre all'insegna della dieta mediterranea.

"Una sinergia, quella tra cuochi, Accademia e salone del Gusto  - ha dichiarato l'imprenditore Vincenzo Borrelli, amministratore di Sire al termine dell'evento - che si è rivelata vincente. Siamo convinti che si debba partire dalla cultura del cibo per arrivare poi ad avere, nella ristorazione, prodotti e menú che possano soddisfare sempre piú le esigenze di un cliente evoluto e attento alla propria salute. Siamo quello che mangiamo e il cittadino oggi lo sa". 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©