Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

II edizione “A Napoli ci vuole fegato”


II edizione “A Napoli ci vuole fegato”
12/09/2013, 16:26

NAPOLI - Mercoledì 18 settembre, alle ore 11, presso la sede dell'Ordine dei Giornalisti della Campania di via Cappella Vecchia 8 B, verrà presentata la seconda edizione di “A Napoli ci vuole fegato”, iniziativa promossa dal Dipartimento di Gastroenterologia della Federico II e della Seconda Università di Napoli, assieme al Dipartimento di Malattie Infettive della Sun che si terrà sabato 21 settembre, dalle 10 alle 18 in piazza Dante. Una kermesse per sensibilizzare i cittadini di Napoli e della Campania alla prevenzione nell'ambito delle malattie epatiche.
Con il Patrocinio del Comune di Napoli e della Regione Campania, e con la partnership della Caffè Toraldo e dell'Epac (Associazione Onlus impegnata nelle prevenzione delle malattie epatiche), si proseguirà, attraverso questa iniziativa degli atenei napoletani, nel campagna già avviata lo scorso anno attraverso stand e materiali informativi per la divulgazione delle tematiche inerenti alla prevenzione del fegato e alla diagnosi, con esami ecografici gratuiti (là dove dovesse rendersi necessario) messi a disposizione dagli esperti per i partecipanti alla manifestazione.
Sarà installata anche una postazione mobile della Polizia Municipale, messa a disposizione dal Comune di Napoli in cui verranno evidenziati, attraverso l'alcol test, quali sono i danni generati dall'abuso di bevande alcoliche. Momento clou della manifestazione, la premiazione degli studenti del gruppo di lavoro del 2° e 3° liceo del Ginnasio Vittorio Emanuele, impegnati nella realizzazione di materiale informativo inerente al tema della kermesse.
Tra i relatori della presentazione di mercoledì, l’ordinario di Gastroenterologia alla Sun, prof.ssa Carmelina Loguercio, l’ordinario di Gastroenterologia della Federico II, prof. Nicola Caporaso, l’ordinario di Malattie Infettive della Sun, prof. Giovanni Battista Gaeta. Ad aprire la conferenza, il presidente dell'Ordine dei Giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©