Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

II Edizione del Bagnoli Jazz Festival


.

II Edizione del Bagnoli Jazz Festival
20/12/2013, 13:52

BAGNOLI - La seconda edizione del “Bagnoli Jazz Festival”, che  l’anno scorso tanto successo ha riscosso, registrando lusinghiere presenze artistiche e di pubblico, quest’anno, si terrà nel prestigioso PAN Palazzo delle Arti di Napoli. La dislocazione dal quartiere di Bagnoli alla centralissima Via dei Mille è di carattere puramente artistico, poiché il cartellone squisitamente “acustico” infarcito di incontri ed eventi culturali, si sposerà in maniera ideale con le mostre di arte moderna suggerite dalla direzione del PAN. L’ambiente chiuso e raccolto, il numero esiguo di posti sarà l’ideale per ascoltare una proposta artistica atipica capace di mescolare Flamenco e Napoletana nonché la storia della nostra città con i moderni testimoni di una terra ancora dalla vocazione di capitale europea. Come consuetudine, quindi, I’Associazione Bagnoli Power promotrice ed organizzatrice del Festival, proporrà, con la direzione artistica di Max Puglia, oltre alla musica, anche la letteratura, la storia, le tradizioni, il cinema e dei momenti dedicati all’evoluzione nei secoli dell’enogastronomia nostrana con la degustazione dei vini dei Campi Flegrei ed altre specialità tipiche territoriali. Tra gli ospiti di questa seconda edizione del “Bagnoli Jazz Festival”, gli  “Hermanos” a Virtuoso Guitar Trio and Friends con i tre chitarristi  Max Puglia, Nico Di Battista e Francesco Cavaliere; Savio Arato e “Bona Jurnata Project”;  i Capeccapa, ovvero,  Cref, 'O Pecone & Dj Sonatine, Consiglia Licciardi e Shara. Ancora, per quanto riguarda gli incontri che precederanno i vari momenti musicali, saranno presenti il giornalista e sociologo, Giuseppe Giorgio, la scrittrice Delia Morea, lo scrittore, medico, poeta e pittore, Stefano Miele, la direttrice editoriale di Citylifedaily, Corinne Bove ed ancora Alessandra Troiano, il maestro pizzaiolo e docente Salvatore  Di Matteo e tanti altri ospiti del mondo del teatro e della cultura.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©