Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Il Sud si ribella

Ikea: polemiche per lo spot dei 'mafiosi'


Ikea: polemiche per lo spot dei 'mafiosi'
16/04/2011, 15:04

Avete presente lo spot Ikea ‘The Very Good Fellas’? Quello in cui i protagonisti si rifanno ad un clan mafioso. Ebbene, proprio per il tipo di sponsor scelto, il marchio svedese sta facendo molto parlare di sé.

Durante la pubblicità, in onda dallo scorso 3 aprile, si vedono degli uomini in stile ‘picciotti siciliani’ in una versione diversa dal solito. I protagonisti, infatti, si scoprono in realtà dei ‘bravi ragazzi’ che compiono delle azioni nel rispetto dell’ambiente. A far capire il senso della pubblicità è lo slogan finale: “Comportarsi bene in una cucina Ikea è più naturale”.

Le proteste però non si sono fatte attendere. A lamentarsi dello spot sono stati per lo più i meridionali, offesi dall’immagine che il marchio svedese ha dato dell’uomo del Sud. Altri, invece, ne hanno apprezzato il lato ironico.

Intanto Fabrizio Concas, Marketing Manager Ikea Italia Retail srl, ha difeso l’azienda da questi attacchi. “Prima di tutto devo constatare che, al contrario di ciò che comunemente si dice, la pubblicità è molto seguita” – ha dichiarato il manager al ‘Corriere del Mezzogiorno’ – “in secondo luogo ci tengo molto a sottolineare che abbiamo scelto un taglio simile in totale buona fede e che, naturalmente, non credevamo che il messaggio dello spot avrebbe potuto in qualche modo offendere i meridionali o essere frainteso in questo modo”.

“Evidentemente” – ha proseguito Concas – “ci sono persone che cavalcano alcuni sentimenti di divisione e che utilizzano la strumentalizzazione ogni volta che possono. Ero convinto che oggi si fosse superato il tema di contrasto tra Nord e Sud del paese ma, dopo le reazioni che ho registrato, devo dire che forse mi sbagliavo. In ogni caso ci teniamo a scusarci con tutti i meridionali che si sono sentiti offesi dalla nostra pubblicità”.

Ma nel mondo del marketing è risaputo: “bene o male, l’importante è che se ne parli”.

Commenta Stampa
di Luana Rescigno
Riproduzione riservata ©