Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Il 25 maggio al Teatro dell'Opera il Maestro Riccardo Muti dirige "Attila" di Giuseppe Verdi


Il 25 maggio al Teatro dell'Opera il Maestro Riccardo Muti dirige 'Attila' di Giuseppe Verdi
25/04/2012, 09:04

Da venerdì 25 maggio, alle 20.30, sulla scena del Teatro dell’Opera torna Verdi con Attila. Sul podio dell’Orchestra dell’Opera di Roma il Maestro Riccardo Muti, raffinatissimo e intenso interprete di tutto il mondo verdiano. Si deve proprio al Maestro Muti, grazie alle sue numerose direzioni di grande successo dell’Attila, la rinascita dell’interesse internazionale su questo sanguigno e “risorgimentale” dramma lirico. La tormentata discesa di Attila in Italia, che culmina in un sogno premonitore e quindi nella sua morte, avrà un nuovo allestimento del Teatro dell’Opera firmato da Pier Luigi Pizzi per la regia, le scene e i costumi. Tra gli interpreti Tatiana Serjan nel ruolo di Odabella, Ildar Abdrazakov nel ruolo di Attila e Nicola Alaimo in quello di Ezio (tre voci già applaudite dal pubblico del Costanzi in Moïse et Pharaon di Rossini e Macbeth di Verdi, sempre sotto la direzione del Maestro Riccardo Muti); Foresto è Jean-François Borras, Uldino è Antonello Ceron, Leone è Luca Dall’Amico. Maestro del Coro del Teatro dell’Opera, Roberto Gabbiani.
L’Attila andato in scena per la prima volta al Teatro La Fenice di Venezia nel 1846, è considerato un archetipo del “melodramma risorgimentale”: dietro il vessillo della riscossa romana contro gli unni invasori le note impetuose di Verdi infiammarono gli animi del pubblico di allora, con un’opera carica di forza e di passione politiche. Ma l’Attila è anche una tappa fondamentale nel percorso musicale del Maestro di Busseto, che attraverso la figura del cupo tiranno destinato a soccombere, apre la strada alla realizzazione verdiana del “dramma musicale”.

Attila, dopo la prima del 25 maggio, sarà replicato domenica 27 (17.00), martedì 29 (20.30), giovedì 31 (20.30), domenica 3 giugno (17.00), martedì 5 (20.30 fuori abbonamento).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©