Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Vengono dal futuro e nessuno li hai mai visti

Il blues futuristico dei The Cyborgs martedì al Coffee Pot


Il blues futuristico dei The Cyborgs martedì al Coffee Pot
10/04/2011, 11:04

ROMA - Vengono dal futuro e nessuno li hai mai visti in faccia, si chiamano Cyborg-0 e Cyborg-1. Il primo canta e suona la chitarra con il pollice destro in continua percussione, il secondo suona i bassi della tastiera con la mano sinistra e la batteria con i restanti arti del corpo. La loro missione è recuperare le tracce perdute del blues.
Un power-duo che propone uno bizzarro mix di blues elettrico e funk, brani originali che affondano le proprie radici nella musica nera dagli anni ’30 ai ’60 riportata ai giorni nostri e modernizzata in chiave roots. Propongono un blues molto vicino a quello delle origini, ma contaminato dai viaggi della musica nel tempo, spesso avvalendosi anche di arnesi recuperati, bidoni e tutto ciò che possa avvicinarli al suono originario del genere.
La loro performance è unica nel suo genere, suonano coperti da mascheroni da saldatore, nella maschera di “0” è contenuto un microfono e il suono della voce sembra trasmesso da un altro pianeta. Forse il loro intento è solo quello di smuovere le coscienze con la musica, con i suoni che loro chiamano electrofunkblues.

Martedì 12 aprile
ore 22.30
Coffee PotVia della Lega Lombarda, 54 – Roma
Ingresso gratuito
Infoline 347/0095009

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©