Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Il 26 Settembre alle ore 11.00

Il canto di Partenope. Dalle regine alle popolane, dalle sante alle amanti

Nella Sala Accoglienza del Palazzo Reale di Napoli

Il canto di Partenope. Dalle regine alle popolane, dalle sante alle amanti
25/09/2012, 09:41

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio nelle sontuose sale dell'Appartamento Storico va in scena lo spettacolo Il canto di Partenope. Dalle regine alle popolane, dalle sante alle amanti. I giovani artisti della compagnia Questi Fantasmiintrattengono il pubblico interpretando scene nelle quali sono protagoniste alcune donne, simbolo di una Napoli sempre in bilico tra il bene e il male, tra il vizio e la virtù, tra la tradizione e l’innovazione, tra la verità e la leggenda. Dalla sirena Partenope, alla combattiva Maria Puteolana, figura di donna guerriera semi-leggendaria cantata anche dal Petrarca; alla sventurata Maria d’Avalos, uccisa dal marito Carlo Gesualdo insieme all’amante Fabrizio Carafa, il cui fantasma si aggira senza pace a San Domenico Maggiore; Sancha d’Aragona, figlia illegittima di Alfonso d’Aragona e nuora di Papa Alessandro VI, donna bella e sensuale, il cui destino è legato a quello della celebre Lucrezia Borgia; Ciulla De Caro, meretrice, “canterina” ed impresario teatrale, che sconvolse la pace di numerose famiglie napoletane e tante altre fino a Matilde Serao, scrittrice e giornalista, che conclude l’evento declamando versi dedicati alla sirena Partenope e a Napoli.

Organizzato dalla

Soprintendenza per i Beni Architettonici Paesaggistici Storici Artistici ed Etnoantropologici di Napoli e Provincia in collaborazione con la Compagnia Teatrale “Questi fantasmi”.

Giorno in cui avverranno gli spettacoli: 30/09/2012

 

orario dei due spettacoli: alle ore 10,30 e alle ore 17,00

 

prenotazioneobbligatoria

Tel 081/7363459 cell 3382599821 email mauromauriziopalumbo@libero.it

 

 

Per info:

email sbapsae-na.comunicazione@beniculturali.it

 

fax 081/403561tel. 081 5808289 - 374

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©