Cultura e tempo libero / Archeologia

Commenta Stampa

Il Carcere Borbonico di Avellino, Passato e futuro


Il Carcere Borbonico di Avellino, Passato e futuro
31/03/2011, 09:03

Martedì 12 Aprile 2011, alle ore 17.00, nella sala conferenze del Carcere Borbonico di Avellino (ingresso principale da Via Dalmazia) il prof. Vito Cardone, Preside della Facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi di Salerno, presenterà il Volume, edito da De Angelis Art, “Il Carcere Borbonico di Avellino - Passato e futuro” realizzato dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Salerno e Avellino in occasione della conclusione dei lavori di restauro del complesso monumentale.

Questa pubblicazione, curata dall’arch. Cinzia Vitale, Funzionario della Soprintendenza e Direttore dei Lavori di restauro dell'imponente Complesso Monumentale avellinese, descrive dettagliatamente le fasi e le articolazioni dell'opera di restauro condotte dalla Soprintendenza per i B.A.P. di Salerno e Avellino, diretta dal Soprintendente Gennaro Miccio.

L'elegante volume riporta una interessante descrizione degli interventi eseguiti in oltre un ventennio di lavori, nonché i risultati di una attenta ed approfondita ricerca documentale ed è corredato da una ricca documentazione fotografica, testimonianza di un passato dimenticato e di un presente che mira al rilancio del complesso.

Il lavoro sarà presentato dal prof. Vito Cardone, docente ordinario per il settore scientifico-disciplinare ICAR/17 – Disegno presso la Facoltà di Ingegneria Civile dell'Università degli Studi di Salerno. Oltre che Preside della stessa Facoltà di Ingegneria, riconfermato per il terzo mandato, è Presidente della Conferenza Nazionale dei Presidi delle Facoltà di Ingegneria Italiane e portavoce della stessa Conferenza. Dirige la Collana Editoriale Incontri sul disegno, edita dalla CUES di Salerno; cura la collana Quaderni della Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Ingegneria. E' autore di numerosissime pubblicazioni scientifiche e tra esse si possono citare “Il tufo nudo nell’architettura napoletana”, come pure la trilogia sul sistema urbano dei Campi Flegrei; più in particolare, e con riferimento alla pubblicazione della Soprintendenza, è doveroso evidenziare lo studio inedito su Pedro Luis Escrivà, ingegnere militare del Regno di Napoli del XVI sec. autore di numerosi trattati sul tema delle fortificazioni e delle architetture militari in genere.

L'incontro sarà anche l'occasione per la presentazione degli eventi che la Soprintendenza per i B.A.P. di Salerno e Avellino ha programmato in occasione della XIII Settimana della Cultura che si svolgerà dal 09 al 17 aprile 2011.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©