Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Presentato un dossir contro il "direttorissimo"

Il Cdr Tg1 contro Minzolini: "Fa disinformazione"

La replica: "Malati di una ideologia finita da un pezzo"

Il Cdr Tg1 contro Minzolini: 'Fa disinformazione'
24/03/2011, 16:03

ROMA - Il Comitato di redazione del TG1 uscente - formato da Alessandra Mancuso, Alessandro Gaeta e Claudio Pistola - ha lasciato un ultimo regalo al veleno al direttore Augusto Minzolini: un dossier con dentro tutti i casi di quelle che vengono definite "sofisticate techiche di disinformazione".
E c'è di tutto. Si va dal fatto che delle escort a casa Berlusconi non se è mai parlato, se non di sfuggita, alle apparizioni in video del direttore, sempre su posizioni perfettamente sovrapponibili a quelle del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Oppure l'editoriale in cui Craxi è paragonato a papa Paolo Giovanni II, senza mai nominare i tanti reati commessi dall'uomo politico. Per non parlare dell'ormai celeberrimo "assolto", riferito all'avvocato David Mills, quando era stato dichiarato colpevole e prescritto. Una iniziativa che provocò forti proteste tra gli spettatori ed una valanga di e-mail per la parzialità dell'informazione. Oppure, quando cominciò ad apparire chiara l'inefficienza di Bertiolaso e le misure sbagliate da lui prese, il solito video-editoriale in sua difesa ed una serie di servizi per magnificarlo.
Insomma, un elenco lunghissimo, che spiega più di ogni altra cosa il perchè la conduzione di Minzolini abbia provocato un crollo degli acolti, con uno share che è sceso di circa 5 punti percentuali.
La risposta di Minzolini è stata dura: "E' una cosa paradossale, singolare, assurda. Sono malati di un'ideologia che è finita da un pezzo"

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©