Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

Il Centro studi musicali «Orfeo» festeggia i 15 anni di attività della Scuola di musica


Il Centro studi musicali «Orfeo» festeggia i 15 anni di attività della Scuola di musica
06/09/2012, 10:28

Nata nel 1998, la Scuola Civica di Musica per l’Infanzia inaugura il suo quindicesimo anno accademico. Il Centro studi musicali «Orfeo», associazione musicale salernitana diretta dal M° Angelo Alfani, festeggia quest’anno il quindicesimo anno di attività della Scuola Civica di Musica per l’Infanzia, istituzione presente in città sin dal 1998 ed impegnata nell’opera di diffusione della pratica musicale tra i più piccini. La scuola costituisce un polo musicale rivolto ai bambini della scuola primaria (dalla prima alla quinta elementare), allo scopo di prepararli sin da piccoli allo studio di uno strumento. L’obiettivo didattico-educativo è quello di offrire l’opportunità di scoprire e sperimentare il fenomeno musicale attraverso un approccio ludico, con un percorso formativo atto a sviluppare nel bambino il senso del ritmo, la capacità di ascolto, la vocalità, l’alfabetizzazione e la grammatica musicale, l’attitudine alla realizzazione di attività di musica d’insieme con un idoneo strumentario. La Scuola Civica di Musica, nata nel 1998 con la prima amministrazione De Luca grazie all’allora assessore alle politiche sociali Rosa Egidio Masullo e con l’impegno del M° Giovanni Carlo Cuciniello, fu fondata per favorire l’avvicinamento dei bambini alla musica. Varie le sedi che hanno ospitato l’istituzione nel corso degli anni: inizialmente l’attuale Sala coro del Conservatorio di Musica «Giuseppe Martucci» di Salerno, in seguito l’ex Scuola elementare di Via Paesano, la Sede Onmic nel quartiere Torrione, il Liceo Classico «Francesco De Sanctis» ed attualmente la Scuola primaria «Matteo Mari». Il M° Alfani si è esibito con gli allievi della scuola in molte occasioni, in particolare in numerose lezioni-concerto in varie scuole della città e negli annuali saggi al termine di ogni anno accademico. Nel 1998 gli allievi hanno portato in scena l’«Histoire de Babar», favola musicale per voce recitante e pianoforte del compositore francese Francis Poulenc su testo di Jean de Brunhoff, incentrata sulle avventure di un piccolo elefantino di nome Babar. Nel 2000 il M° Alfani si è esibito con i suoi allievi presso il Teatro Municipale «Giuseppe Verdi» di Salerno, riscuotendo molti consensi. Diversi allievi della scuola sono stati scelti nel corso degli anni per far parte del Coro di voci bianche del Teatro Verdi di Salerno. Numerosi sono poi gli allievi che, dopo il quinquennio della Scuola Civica (corrispondente agli anni della scuola primaria), hanno intrapreso lo studio di uno strumento alla scuola media e si sono poi iscritti al Conservatorio di Musica di Salerno, dove attualmente proseguono gli studi. Alcuni di essi hanno già raggiunto il titolo finale, diplomandosi nello strumento prescelto. «Il nostro scopo è avvicinare sempre più bambini alla musica e il fatto che molti dei nostri allievi, crescendo, hanno proseguito gli studi musicali, testimonia dell’importanza e della validità del progetto - dichiara il direttore artistico M° Angelo Alfani - Sono fermamente convinto che per imporre in Italia un radicale mutamento nel campo della musica, in una prospettiva di stampo europeo, sia necessario educare alla musica e svolgere opera di sensibilizzazione in tal senso sin dalla tenera età». Il Centro studi musicali Orfeo organizza inoltre corsi di pianoforte, corsi di teoria musicale e solfeggio, corsi preparatori per l’ammissione alle Scuole Medie ad indirizzo musicale, al Liceo Musicale e ai corsi universitari del Conservatorio, corsi basati su nuove metodologie e moderni sistemi di approccio alla musica (Metodo Orff-Schulwerk) e al pianoforte (Metodo Bastien, anche per piccolissimi e adulti). L’associazione gestisce inoltre il «Coro InCanto», sede di attività corali e musicali per bambini, giovani e adulti di ogni età, costituito da circa trenta elementi. Il centro possiede diverse sedi operative, due in città (zona Torrione e zona Pastena) e una in provincia (nel comune di San Cipriano Picentino).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©