Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Il concerto di Lady Gaga in Italia, la corsa ai biglietti


Il concerto di Lady Gaga in Italia, la corsa ai biglietti
06/07/2012, 16:07

167 tappe, quattro continenti attraversati, oltre due milioni di spettatori. Sono solo alcuni dei numeri pazzeschi che girano intorno la “Born this way ball tour” di Lady Gaga. Uno spettacolo che nel suo percorso attraverso le principali città mondiali, prevede anche un concerto in Italia, per il quale è già partita la corsa ai biglietti, che hanno un prezzo variabile tra i 75 ed 95 euro.

Dall’Asia al continente Australiano per poi attraversare la nostra Europa e concludersi nel continente Americano, dapprima nel Nord e poi al Sud; in tutte le date Miss Germanotta sta portando uno spettacolo con una scaletta più o meno definita, che vede i successi dell’ultimo album Born This Way con titoli come Highway Unicorn, scelto come intro del concerto, Judas e Merry the night, intervallati da successi degli album precedenti come “The Fame”, del quale vengono proposte tra le varie Just Dance, Love Game e Telephone.

Tanti gli effetti speciali e le sorprese anche a livello coreografico, con una Lady Gaga una volta cavallerizza di un unicorno, poi motociclista e poi ancora interprete intimista voce e piano. Da quel che si è visto nelle date asiatiche ed australiane, non mancano, purtroppo, momenti in cui il concerto va avanti chiaramente in playback. Tuttavia si tratta quasi di una necessità scenica visti i numerosi balletti in cui la cantante è coinvolta durante tutta la durata del concerto.

La tappa italiana di Lady Gaga riserverà dunque spettacolo e novità; una piacerà particolarmente ai fans più affezionati, e si chiama “Monster Pit”. Si tratta di una zona riservata posta proprio ai piedi del palco, il cui accesso sarà garantito a pochi fortunati, già molte ore prima del concerto.

C’è dunque chi attenderà le note di Highway Unicorn aprire lo show già dal giorno prima, ma visti i riscontri delle precedenti date del tour c’è da scommettere che ne varrà la pena.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©